Toscana http://reportsport.it Sun, 18 Aug 2019 19:00:59 +0200 Joomla! - Open Source Content Management it-it Firenze- Viareggio, Veljko Stojnic a braccia alzate http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12793-firenze-viareggio-veljko-stojnic-a-braccia-alzate http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12793-firenze-viareggio-veljko-stojnic-a-braccia-alzate Veljko Stojnic al traguardo di Viareggio

Firenze- Viareggio, Veljko Stojnic a braccia alzate

VIAREGGIO - Una vittoria voluta, cercata e inseguita fin dai primi ritiri dello scorso novembre. Il team Franco Ballerini - Albion conquista o meglio domina la Firenze - Viareggio piazzando due corridori sul podio di una delle corse più ambite della categoria con Veljko Stojnic, al primo successo italiano.

Il corridore serbo faceva parte di un gruppetto di una ventina di unità quando ha deciso di partire per anticipare lo sprint ai -2 dall'arrivo in compagnia di Marchesini.

Il suo compagno d'avventura non insisteva nell'azione mentre il serbo continuava deciso fino a tagliare a braccia alzate sul traguardo ottenendo la prima vittoria nella storia del team Franco Ballerini - Albion.

"Sono molto contento - afferma Stojnic - ero molto contrariato dopo i Campionati Europei e avevo voglia di rivincite. La mia forma è buona ed è da diverse settimane che mi trovo davanti. Con Allori abbiamo saputo giocare di squadra, ho anticipato sapendo che poi lui avrebbe potuto giocarsi le sue carte allo sprint ed è andata bene. Primo e terzo in una delle corse più ambite dai nostri sponsor, credo che come prima vittoria del team non ci fosse uno scenario migliore".

Su di giri anche Manuel Allori che si è piazzato alle spalle di Yuri Colonna nella volata per il secondo posto e che continua nella sua serie di piazzamenti importanti.

"Mi sono sentito bene fin da inizio corsa, in salita ero davanti e quando si è formato il gruppetto che si è giocato la vittoria sapevo di poter dire la mia. Ci ho provato ai -4 ma non ci hanno lasciato andare via quindi mi sono riservato per lo sprint. Stojnic ha anticipato alla perfezione e io ho completato un podio bellissimo".

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Thu, 15 Aug 2019 16:36:35 +0200
Firenze-Viareggio, sfida tra Marchesini e Benedetti http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12791-firenze-viareggio-sfida-tra-marchesini-e-benedetti http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12791-firenze-viareggio-sfida-tra-marchesini-e-benedetti Al centro, Riccardo Marchesini

di Antonio Mannori

FIRENZE - Più incerto di sempre il pronostico per la 73^ Firenze-Viareggio nel giorno di Ferragosto, una delle gare più belle ed importanti del ciclismo dilettanti.

Manca una vera squadra di riferimento ed almeno una decina i principali favoriti ad iniziare dai campioni toscani Riccardo Marchesini (E'lite) e Gabriele Benedetti (Under 23) che hanno una condizione eccellente e sono anche veloci, dote che potrebbe servire sul lungomare della Versilia al termine dei 180 Km dell’affascinante sfida.

Marchesini sul punto di passare professionista (lo merita) vorrebbe lasciare il segno nella gara dell’A.S. Aurora organizzata tecnicamente dall’Ocip di Pistoia, mentre Benedetti al suo primo anno tra i dilettanti sogna da sempre questa corsa. Ma attenzione al tandem Cacciotti-Colonna, ed in ordine sparso a Nesi, Pesci, al fiorentino Allori, Tagliani, Corradini, Longhitano, Friscia, Fiaschi, Masi, La Terra, Pesenti, Baroncini, Mugnaini, Tortomasi, Magli, Cianetti. Tra gli stranieri il serbo Stojnic, l’ucraino Parashchak. Il tracciato è quello del 2018 quando s’impose per distacco con uno splendido finale Jalel Duranti. Le salite della montagna pistoiese, il lungo tratto di recupero verso la Versilia, prima dell’impennata del Monte Pitoro (versante Massarosa) a 14 Km dal traguardo di Viareggio. Il vincitore della 73^ edizione indosserà un’inedita maglia, realizzata con un tessuto derivante dal riciclo della plastica, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla tematica della dispersione della plastica nei fiumi e nei mari.

La Firenze-Viareggio transiterà sulla montagna pistoiese dal luogo del gravissimo incidente occorso l’anno scorso a Michael Antonelli, che prosegue la sua “corsa” per il ritorno a una vita il più normale possibile. A tale scopo da parte degli organizzatori anche un gesto di solidarietà. Al ritrovo di partenza e sul lungomare di Viareggio saranno vendute delle magliette sempre realizzate con un tessuto derivante dal riciclo della plastica e il ricavato sarà devoluto alla famiglia di Michael Antonelli.

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Wed, 14 Aug 2019 18:40:21 +0200
Ciclismo. Il padre fonda una società per le figlie http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12776-ciclismo-il-padre-fonda-una-societa-per-le-figlie http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12776-ciclismo-il-padre-fonda-una-societa-per-le-figlie Beatrice e Matilde Bertolini

di Antonio Mannori

CALCI- Ai piedi del Monte Serra una bella storia di ciclismo nata qualche anno fa e che grazie a una famiglia appassionata di questo sport prosegue con esemplare successo.

Protagoniste in bici le sorelle Beatrice e Matilde Bertolini, la prima neo campionessa italiana esordienti su pista, la seconda che vestì la maglia tricolore un anno fa nel campionato italiano allieve a cronometro. Per loro babbo Daniele e mamma Daniela hanno fondato una società la M.B. (le iniziali del nome delle figlie) con sede a Calci, e per loro Daniele ottenne il patentino di direttore sportivo per poterle seguire da vicino.

Tutto nacque quando giovanissime Beatrice e Matilde decisero di provare nel ciclismo (il babbo era un appassionato) con la Butese, storica società pisana dove furono guidate da Roberto Battaglia primo loro maestro e direttore sportivo. Dopo poco iniziarono a vincere come giovanissime, ma al passaggio di categoria le prime difficoltà. Da qui la decisione di allestire una società in casa, tutta per Beatrice, nata nel febbraio 2005 e per Matilde che avrà 17 anni nel prossimo mese di settembre, con il babbo direttore sportivo, ed assieme alla moglie, anche nel ruolo di accompagnatori.

Il titolo italiano di Matilde in Provincia di Rovigo nella prova a cronometro, quello di Beatrice su pista negli esordienti, due momenti di grande soddisfazione e felicità oltre a tutti gli altri successi che Beatrice e Matilde hanno saputo ottenere con titoli toscani e vittorie varie. Calci è orgogliosa di queste due ragazze, da due anni viene organizzata anche una gara ciclistica che la famiglia Bertolini vorrebbe continuare ad allestire anche in futuro.

Due splendide ragazze, brave anche a scuola con Matilde che frequenta il Liceo classico Galileo Galilei a Pisa, mentre Beatrice dopo la scuola media superiore appena conclusa, si è iscritta sempre a Pisa al Liceo scientifico.

In questa stagione essendo al primo anno da juniores Matilde ha scelto la società lombarda SCV Bike Cadorago. Due sorelle belle e brave che amano il ciclismo rispettando quanto babbo Daniele disse loro quando scelsero anni indietro questo sport: “Dovete essere innamorate della bici e amare questo sport”.

Un insegnamento che Matilde e Beatrice continuano a rispettare.

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Sat, 10 Aug 2019 15:45:47 +0200
Elite Under 23, a Malmantile vince Piccolo http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12662-elite-under-23-a-malmantile-vince-piccolo http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12662-elite-under-23-a-malmantile-vince-piccolo Simone Piccolo

MALMANTILE (Firenze)- Pronostico rispettato nel X° Trofeo Città di Malmantile.

Le Le due squadre più attese Casillo Maserati e Pol. Tripetetolo Pitti Shoes hanno fatto la gara che ha visto solo 16 atleti al traguardo degli 82 partenti.

Ha vinto Simone Piccolo che ha regolato il bravissimo compagno di fuga Marchesini, mentre terzo è giunto Colonna brillante protagonista. Nei primi anche il generoso e bravo Pesci, e Cianetti, altro atleta tra più in vista.

La gara ha visto in fuga Colonna e Tortomasi per 100 Km. I due sono stati raggiunti da un gruppo di quattordici corridori, ma è stato nuovamente Colonna a tentare l’attacco a 18 chilometri dal traguardo.

Il pistoiese vinceva il gran premio della montagna sull’Erta di Malmantile mentre dietro lavorava molto il campione toscano élite Marchesini, che riusciva a riportarsi sul fuggitivo assieme a Piccolo.

I tre viaggiavano di comune accordo fino al “muro” del Castello di Montelupo Fiorentino posto a 4 Km dall’arrivo. Colonna mollava dopo una corsa tutta in fuga mentre Marchesini cercava senza successo di liberarsi di Piccolo che poi vinceva nettamente in volata.

Un brillante vincitore, compagni di squadra sempre presenti e pronti, il tutto sotto la regìa del direttore sportivi Matteo Provini che ha guidato la formazione emiliana alla vittoria in Toscana, piazzando complessivamente cinque atleti nei primi dieci.

Belle e generose le prove anche di Tortomasi, di Cianetti e di Pesci, l’atleta della società organizzatrice che, partito con la speranza di fare una grande corsa, alla fine ha ottenuto un più che meritato quarto posto. La gara di Malmantile era valevole per la Challenge Alessandro Bertini e per il Trofeo Memorial Mauro Mancini.

Ordine d’arrivo

1)Simone Piccolo (Casillo Maserati) Km 126,4 in 3h15’36”, media Km 38,773;

2)Riccardo Marchesini (Pol. Tripetetolo Pitti Shoes) a 2”;

3)Yuri Colonna (Casillo Maserati) a 22”;

4)Manuel Pesci (Team Malmantile La Seggiola)a 2’03”;

5)Nicholas Cianetti (Pol. Tripetetolo Pitti Shoes);

6)Andrea Cacciotti (Casillo Maserati);

7)Filippo Tagliani (idem);

8)Rossani Mauti (Futura Team Rosini);

9)Laurent Rigollet(Casillo Maserati) a 2’26”;

10)Matteo Rotondi (Team Cinelli).

Antonio Mannori

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Sun, 07 Jul 2019 10:14:01 +0200
Ciclismo. E’ morto Learco Giuntini, aveva 85 anni http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12658-ciclismo-e-morto-learco-giuntini-aveva-85-anni http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12658-ciclismo-e-morto-learco-giuntini-aveva-85-anni Paolo Bettini e Learco Giuntini

CAPANNOLI - All’età di 85 anni (era nato il 21 gennaio 1934) è morto Learco Giuntini.

Tanti lo ricorderanno quando, alla guida della sua auto scoperta, svolgeva il servizio per i direttori di corsa, per i componenti di giuria. Il ciclismo perde un altro amico, appassionato e simpatico, che aveva saputo farsi apprezzare negli anni in cui frequentava assiduamente il mondo del pedale ed era conosciuto da tanti campioni.

Amava tutti i campioni del ciclismo ma per Marco Pantani e Paolo Bettini provava qualcosa di più.

I funerali di Learco Giuntini si svolgeranno domani domenica alle 17,30 nella chiesa della Santissima Annunziata a Capannoli in provincia di Pisa.

Ai familiari di Learco, le espressioni del più vivo cordoglio da tutto il movimento ciclistico regionale e nazionale.

Antonio Mannori

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Sat, 06 Jul 2019 08:47:11 +0200
Corso Uefa A, ecco i nuovi allenatori professionisti abilitati http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12649-corso-uefa-a-ecco-i-nuovi-allenatori-professionisti-abilitati http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12649-corso-uefa-a-ecco-i-nuovi-allenatori-professionisti-abilitati Adailton con la maglia dell'Hellas Verona

FIRENZE - Sono stati ufficializzati dal Settore tecnico della Figc i nuovi allenatori professionisti abilitati.

Dopo aver seguito nei mesi scorsi – in aula e sul campo – le 192 ore di lezione, gli allievi hanno superato gli esami finali, che si sono tenuti sempre a Coverciano.

L’abilitazione. Con la qualifica Uefa A, riconosciuta a livello europeo, i neoallenatori professionisti potranno adesso guidare tutte le squadre giovanili (incluse Primavera e Berretti), tutte le prime squadre femminili (comprese quelle partecipanti al massimo campionato di Serie A) e le prime squadre maschili fino alla Serie C compresa; potranno inoltre essere tesserati come allenatori in seconda nei due massimi campionati maschili, ovvero sia in Serie B che in Serie A.

Tutti i nomi e i migliori del corso. Sono diversi i nomi noti del calcio italiano che hanno frequentato il corso e che si sono abilitati, come l’ex attaccante di Verona, Genoa e Bologna, Adailton, o come l’ex centrocampista di Genoa e Juventus, Matteo Paro.

Alessandro Zauli ha ottenuto il massimo punteggio possibile, 110 su 110. Da segnalare inoltre le prove finali fatte registrare da Melissa Marchetti e Andrea Arpili.

Di seguito, l’elenco completo di tutti gli abilitati:

Andrea Albanese, Antonio Altamura, Andrea Arpili, Nicola Beati, Francesco Benedetti Valentini, Alberto Bertolini, Mauro Briano, Andrea Bricca, Sebastiano Catania, Andrea Ciceri, Roberto Colacone, Salvatore Colantuono, Massimiliano Corrado, Francesco Dessena, Doudou Diaw, Stefania Donati, Giuseppe Fortunato, Antonio Gatto, Lorenzo Giagnolini, Massimo Giraldi, Alessandro Giraulo, Mario Giuffrida, Gian Luca Hervatin, Matteo Innocenti, Nicola Losacco, Melissa Marchetti, Sergio Marelli, Riccardo Marmugi, Adailton Martins, Andrea Milani, Simone Motta, Graziano Nocera, Francesco Nunnari, Roberto Occhiuzzi, Massimiliano Olivieri, Giuseppe Pagana, Antonio Palo, Matteo Paro, Giovanni Paschetta, Roberto Pastorino, Filippo Pensalfini, Giovanni Pisano, Marco Giovanni Pisano, Giuseppe Rauso, Michele Ravera, Duccio Righetti, Andy Selva, Luca Sonego, Manuel Spinale, Alessandro Zauli e Ilyas Zeytulaev.

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Wed, 03 Jul 2019 18:08:06 +0200
Crono allieve, Barale campionessa italiana http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12627-crono-allieve-barale-campionessa-italiana http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12627-crono-allieve-barale-campionessa-italiana Francesca Barale

CAPEZZANO PIANORE - Seconda giornata dei campionati italiani a cronometro in Versilia, questa volta con partenza ed arrivo a Capezzano Pianore.

Apertura al mattino con le 33 allieve che si sono contese la maglia tricolore finita sulle spalle di Francesca Barale che ha quasi 44 di media ha fatto suo il titolo italiano confermando le sue qualità e le attitudine alle gare contro il tempo. Da notare la media realizzata nonostante il caldo di 30 gradi. Ai posti d’onore questione di centesimi la Sanfilippo e la Redaelli.

Sfortunata Eleonora Ciabocco del Team Di Federico Pink, vittima di una foratura che ha costretto una delle favorite al ritiro.

Ordine d’arrivo

1)Francesca Barale (Pedale Ossolano) Km 10,500, in 14’22”, media Km 43,845; 2)Martina Sanfilippo (VO2 Team Pink) a 28”; 3)Emma Redaelli (Valcar Cylance) a 28”; 4)Alessia Manenti (Cicli Fiorin Cycling Team) a 33”; 5)Francesca Pellegrini (Valcar Cylance) a 33”; 6)Fedeli a 43”; 7)Caudera a 44”; 8)Trento a 47”; 9)Pepoli M. a 52”; 10)Nicolini a 55”.

Nel pomeriggio con inizio delle partenze alle 14 e sulla stessa distanza delle donne, la gara allievi con ben 86 atleti al via, l’ultimo Daniele Napolitano prenderà il via alle 16,40.

Antonio Mannori

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Thu, 27 Jun 2019 13:50:31 +0200
Kisorio e Mukandanga vincono la Notturna di San Giovanni http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12613-kisorio-e-mukandanga-vincono-la-notturna-di-san-giovanni http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12613-kisorio-e-mukandanga-vincono-la-notturna-di-san-giovanni La partenza della Notturna di San Giovanni

FIRENZE - In oltre 2500 per la gara nel centro storico di Firenze nella Cetilar Run-80ma "Notturna di San Giovanni", la seconda corsa più antica d’Italia, per l’organizzazione di Firenze Marathon. 

La Vincitrice NotturnaLa vittoria in campo maschile, confermando il successo dello scorso anno, è andata a Hosea Kimeli Kisorio, portacolori della Virtus Cassa Risparmio Lucca, che ha chiuso in 30’33” (lo scorso anno vinse allo sprint in 31’35”). Dietro di lui Stanley Siteki dell’Atletica Potenza Picena (30’48”). Terzo è stato Jilali Jamali del Parco Alpi Apuane (in 32’56”), davanti al giovane Ernesto Palchetti dell’Atletica Firenze Marathon, primo dei toscani e degli italiani (33’01”), poi Abdrerrazzak Gasmi della Toscana Atletica Futura, all’esordio sulla distanza, che ha chiuso in 33’02”.
Tra le donne vince la favorita della vigilia, la ruandese Clemantine Mukandanga (18esima assoluta in 35’12”), che ha preceduto, la fiorentina triatleta de Le Panche Castelquarto Marta Bernardi (22sima in 36’00”), vincitrice delle ultime due edizioni. Terza Hodan Mohamed Mohamud del GS Il Fiorino, seconda l’anno scorso e vincitrice quest’inverno del Gran Prix Fidaltoscana di corsa campestre, che è stata 26esima assoluta in 36’19”, davanti a Sarah Giomi della Dilettantistica Dribbling (37’18”) e a Camille Eugenie Chenaux dell’Atletica Vaticana (37’47”).
Primo tra i Veterani è stato Luca Silvestri dell’Orecchiella Garfagnana, 21esimo in 36’ netti.
Vincitore NotturnaDa Piazza Duomo in una serata dal clima ideale, raffrescata dal temporale del pomeriggio, sono partiti oltre 2500 podisti, di cui 1290 nella corsa competitiva di 10 km e il resto suddiviso tra la Family Run di 4 km e la non competitiva sempre di 10 km. Il via è stato dato da Cosimo Guccione, nuovo assessore allo sport del Comune di Firenze, con lui, Giancarlo Romiti, presidente di Firenze Marathon che ha organizzato l’evento in collaborazione con Atletica Firenze Marathon e il patrocinio del Comune di Firenze. In migliaia tra appassionati e turisti erano assiepati alle transenne, a fare il tifo lungo il percorso tutto nel centro storico. Si è corso in un'atmosfera di grande suggestione. Presente, anche in corsa, Stefano Baldini il campione olimpico in maratona di Atene 2004.
L’evento era anche inserito nel circuito Run 10k della Fidal Toscana, percorso perfettamente misurato ed omologato, che ha consentito quindi di inserire il riscontro di coloro che hanno corso nelle graduatorie Fidal per i 10 km di corsa su strada.
A tutti i partecipanti è stata consegnata la maglia tecnica Asics con una raffigurazione firmata dall’artista fiorentino Alessio Bandelli.

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Sun, 23 Jun 2019 09:52:59 +0200
Ciclismo. Accordo tra Maltinti Banca Cambiano e lo Stabbia http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12612-ciclismo-accordo-tra-maltinti-banca-cambiano-e-lo-stabbia http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12612-ciclismo-accordo-tra-maltinti-banca-cambiano-e-lo-stabbia Renzo Maltinti

di Antonio Mannori

EMPOLI- Ancora sinergia e collaborazione tra le società ciclistiche toscane.

L’ultimo accordo quello siglato tra la Maltinti Lampadari-Banca Cambiano di Empoli del presidente Renzo Maltinti e lo Stabbia Ciclismo-Dover Andia Fora, sodalizio di Stabbia di Cerreto Guidi presieduto da Luciano Benvenuti.

All’inizio della stagione 2019, lo Stabbia Ciclismo aveva concluso l’accordo a livello giovanissimi con la Ciclistica San Miniato S. Croce sull’Arno dove in pratica confluirono i giovanissimi dello Stabbia, mentre in quest’ultima formazione a livello juniores, arrivarono gli allievi della San Miniato-S.Croce grandi protagonisti nel 2018. Questo accordo permetterà agli atleti juniores del secondo anno in forza attualmente al sodalizio stabbiese diretto da Tiziano Antonini ed Etelbo Arzilli, di avere la possibilità di confluire nella Maltinti Banca Cambiano a livello di Under 23 dalla stagione 2020.

La Maltinti Lampadari è una società che da 42 anni è nel mondo dei dilettanti con centinaia di vittorie, sempre presieduta da Renzo Maltinti che è anche il primo sponsor.

Ricordiamo che nelle file dello Stabbia Ciclismo-Dover figurano alcuni degli atleti più forti in campo nazionale come gli azzurri Francesco Della Lunga ed Enrico Baglioni. Ad oggi la società di Stabbia ha conquistato 9 vittorie, quattro con Della Lunga. Una a testa per Baglioni, Arzilli, Venturini, Draghi, Regnanti. Grande soddisfazione per l’accordo siglato nelle parole dei due presidenti Maltinti e Benvenuti, due dirigenti appassionati, che si conoscono da sempre e veri amanti di questo sport.

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Sun, 23 Jun 2019 09:44:29 +0200
Giro del Compitese. Di Felice retrocesso, vince Verza http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12570-giro-del-compitese-di-felice-retrocesso-vince-verza http://reportsport.it/index.php/toscana/item/12570-giro-del-compitese-di-felice-retrocesso-vince-verza Riccardo Verza

SAN GINESE DI COMPITO - Sulle colline del Compitese ai piedi del Monte Serra con partenza ed arrivo a San Ginese di Compito, si è svolta la quarta edizione della gara élite e under 23.

La corsa istituita da Roberto Tomei con l’ausilio dell’U.C. Lucchese, presentava una novità nella prima parte, prima del tradizionale circuito con ultimi 800 metri in costante salita da ripetere 12 volte.

Sul traguardo dopo la prevista selezione sull’erta finale si sono presentati in due, Di Felice e Verza che nell’ordine hanno tagliato il traguardo, ma Verza ha reclamato per una scorrettezza subita durante la volata finale. La giuria, anche con l’ausilio delle riprese televisive, gli ha dato ragione e quindi successo per il corridore della Zalf Euromobil e retrocessione al 2° posto per Di Felice.

Dietro ai due, sono giunti gli altri, 31 in tutto dei 121 partenti, con ottimo terzo posto per Messieri autore di una bella prestazione così come Frigo. Tra i migliori anche Tosin, La Terra, Di Renzo e Friscia. La corsa si è decisa negli ultimi giri con una fuga di sei corridori sui quali è rientrato Di Felice poi protagonista dello sprint contestato.

Ordine d’arrivo

1)Riccardo Verza (Zalf Euromobil Desirèe Fior) Km 131, in 3h22’53”, media Km 38,741;

2)Francesco Di Felice (General Store);

3)Francesco Messieri (Zalf Euromobil) a 4”;

4)Giuseppe La Terra (Mastromarco Sensi Nibali) a 8”; 5)Riccardo Tosin (General Store) a 17”; 6)Marco Frigo (Zalf Euromobil Desirèe Fior) a 34”; 7)Leonardo Tortomasi (Pol. Tripetetolo Pitti Shoes) a 49”; 8)Amdrea Di Renzo (VPM Porto Sant’Elpidio) a 52”; 9)Leonardo Marchiori (Zalf Euromobil Desirèe Fior); 10)Lorenzo Friscia (Gragnano Sporting Club).

Antonio Mannori

]]>
io@io.it (Super User) Toscana Sun, 09 Jun 2019 20:00:48 +0200