header rsport
 
.

 

.

 

Lunedì, 25 Giugno 2018 14:44

La Toscana celebra Gino Bartali

RIPARBELLA - La più completa opera su Gino Bartali mai scritta prima. Si chiama “Cento volte Bartali. 1914-2014” ed è il libro che l’Associazione per la solidarietà Giglio Amico di Firenze ha pubblicato per celebrare il centenario della nascita del campione toscano.

La vita sportiva, i traguardi ma anche gli aspetti più personali di un grande uomo che ha saputo interpretare con il suo esempio un secolo di storia italiana.

Un’opera di massima attualità nell’anno in cui il Giro d’Italia ha preso il via a Gerusalemme per celebrare il grande Gino Bartali, dichiarato nel 2013 Giusto tra le Nazioni per la sua attività a favore degli Ebrei perseguitati in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il libro dopo aver girato tutta l’Italia torna in Toscana e fa tappa a Riparbella per l'estate 2018. La pubblicazione sarà presentata mercoledì 27 giugno, alle 19.30 alla Cantina La Regola. Saranno presenti per ricordare la grande figura di Gino Bartali Paolo Bettini, campione del mondo ed olimpionico di ciclismo, Marco Viani, promotore del libro “Cento Volte Bartali 1914 – 2014” e presidente onorario di Giglio Amico Onlus, Giancarlo Brocci, inventore dell’Eroica, Adam Smulevich, giornalista, Enrico Caracciolo, giornalista e fotografo. A fare gli onori di casa Flavio Nuti, titolare dell’azienda La Regola che ha fortemente voluto questo evento.

“Il ciclismo è lo sport della nostra Toscana e delle sue colline. Nell’ambito della nostra rassegna <La cultura della Regola> non poteva mancare quest’anno un tributo particolare ad un grande sportivo ma soprattutto ad un grande uomo che ha saputo essere un esempio per tante generazioni rappresentando il bello della nostra Toscanità. Ricordiamo Gino Bartali con questo libro che ha fini solidali, spiega Flavio Nuti, titolare dell’azienda La Regola di Riparbella insieme al fratello Luca. Con la nostra Cantina abbiamo pensato ad un modo bello di godere la nostra terra, quello di abbinare la bicicletta alle degustazioni del nostro vino e alla visita alla nostra cantina dedicata agli Etruschi. Nasce con questa ottica E-Bike and Wine, in programma lo stesso giorno della presentazione del libro di Bartali, che si ripeterà il 17 luglio, il 13 settembre e il 20 ottobre prossimi.”

Durante la giornata del 27 giugno saranno esposte alcune biciclette d’epoca e potrà essere acquistato il libro “Cento Volte Bartali 1914 – 2014” il cui ricavato solidale sarà utilizzato a favore delle persone bisognose del territorio.

Programma della serata del 27 giugno: 19 registrazione; 19,30 inizio presentazione; 20,30 apericena (su prenotazione).

Il libro è a cura di Sandro Picchi e Marco Viani. La prefazione è di Sergio Zavoli. Gli autori sono 84. La copertina riporta un disegno di Nano Campeggi. Il libro, a tiratura limitata, durante la presentazione sarà disponibile con un'offerta minima di 40 euro. (Richieste e informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). I proventi della raccolta dei libri, come da sempre dovere dell’associazione fiorentina, andranno a sostenere i bisogni di quelle persone che sono non solo povere ma anche malate. La vendita del libro ha portato fino ad oggi ad una raccolta di oltre 50 mila euro già destinati agli “ultimi” della Toscana e di altre regioni.

Scheda Libro:

“Cento volte Bartali. 1914-2014” è un libro strenna, di elevato contenuto, significato e pregio, di 264 pagine con ampia iconografia, scritto da giornalisti, professori universitari, scrittori di rilievo nazionale che hanno offerto gratuitamente il loro impegno. Da Sergio Zavoli a Vincenzo Nibali passando per Davide Cassani, Gianni Mura e Gian Paolo Ormezzano e Marco Pastonesi. Sono solo alcuni dei nomi che, in queste pagine, hanno interpretato le imprese sportive ed umane di uno dei più grandi corridori di tutti i tempi.

Dalla sua devozione alla Madonna al colloquio con De Gasperi durante i giorni dell'attentato a Togliatti, dalla rivalità con Coppi ai viaggi da Firenze ad Assisi con i documenti nella canna della sua bicicletta per salvare gli ebrei, dalle sue irripetibili vittorie al Tour de France ad un Bartali trasformato in vignetta, icona pubblicitaria e alla sua faccia impressa in biglie e tappini. In “Cento volte Bartali. 1914-2014” la vita del grande Gino viene rivissuta in ogni suo aspetto anche per descrivere mutamenti della società italiana nel secolo.

CV Giglio Amico: L’Associazione GIGLIO AMICO nasce nel 1996 da un gruppo di amici che giocavano insieme a calcio da ragazzi sui campi del Centro Tecnico di Coverciano con la maglia della Fiorentina. Il gruppo ha preso forma intorno a un compagno al quale una lesione alla spina dorsale aveva sottratto per sempre il pallone. Marco Viani è il nome di quel lontano ragazzo diventato uomo e anima stessa dell’associazione. GIGLIO AMICO conta oggi su oltre centotrenta soci, uniti da un impegno di assoluto volontariato e svolge la sua attività attraverso manifestazioni non solo sportive il cui ricavato viene interamente e direttamente devoluto a chi si trova nelle condizioni di massimo bisogno, più precisamente a chi unisce una situazione di precarietà economica a uno stato di malattia o di menomazione fisica. Nei venti anni di vita l'associazione tra manifestazioni sportive ed iniziative editoriali ha raccolto ad oggi il corrispettivo di oltre 652 mila euro, 642 mila dei quali sono già stati distribuiti.

SEDONI 300x425banner