header rsport
 
.

 

.

 

Sabato, 12 Gennaio 2019 12:00

Tutto esaurito alla prima del film di Francesco Moser

di Emiliano Nesti

AGLIANA – Ieri sera al Teatro Moderno di Agliana, su iniziativa del Gruppo Sportivo Dino Diddi con la collaborazione della Fil 3, di Agliana Ciclismo e il patrocinio del Comune, si è tenuta in anteprima regionale, la proiezione del film-documentario di Nello Correale su Francesco Moser, “Scacco al tempo”.

Un film che racconta una leggenda delle due ruote, il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nato e cresciuto in Trentino ma conosciuto in tutto il mondo. Un film documentario dedicato alla sua strabiliante carriera, che racconta non solo il campione, ma l' inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove è nato e dove è sempre tornato.

In un Teatro Moderno gremito, è il sindaco di Agliana Giacomo Mangoni a prendere per primo la parola e a dare il benvenuto a Francesco Moser:: “ Voglio iniziare facendo un ringraziamento di cuore a Franco Vettori e Claudio Taffini della Dino Diddi, a tutta l'Agliana Ciclismo e a tutti i volontari che sono resi disponibili per organizzare questa serata. Un ringraziamento al presidente del Consiglio regionale che è venuto questa sera a farci visita e ci onora con la sua sua presenza, e per ultimo, non certo per importanza, Francesco Moser. Quando abbiamo iniziato a dire che avremmo organizzato questa serata – spiega il primo cittadino - sul nostro territorio della provincia si è scatenato un entusiasmo incredibile, ed è bellissimo vedere così tante persone al teatro. Questo significa che Francesco Moser è un grande campione ma anche un grande uomo che ha saputo trasmettere dei valori e dei principi etici e sono certo che sia stato anche questo il motivo per cui ha fatto breccia nel cuore di tanti sportivi italiani. Questi sportivi sono milioni e questo è il tributo che Agliana e tutta la provincia di Pistoia fa nei confronti di Francesco.”

Eugenio Giani, presidente del Consiglio Regionale della Toscana e presidente del Coni provinciale di Firenze: “ Grazie agli organizzatori – commenta Giani - che attraverso una realtà come il movimento ciclistico ad Agliana trova uno dei principali punti di riferimento in Toscana. Il nostro Francesco Moser, oggi protagonista, è persona attaccato e legatissimo alla sua terra il Trentino ma che con la Toscana ha un rapporto davvero particolare e straordinario. Un esordio da dilettante nel Bottegone, poi tra i professionisti sempre in Toscana, noi ci sentiamo orgogliosi di questo. Uno sportivo che ha saputo, per la sua serietà e compostezza, evidenziare e portare avanti i valori più autentici dello sport e prima di tutto una bella figura di riferimento come uomo.

Tutto questo naturalmente si associa al campione. Stiamo parlando di colui che con circa 273 successi, è nella storia del ciclismo l'italiano che ha vinto di più nelle gare in linea. Riesce però a vincere di più - continua Giani – Campione del Mondo, successi nelle gare a tappe come il Giro d'Italia. E' l'uomo che va su strada ma sa illustrare la tradizione italiana al meglio nella pista e il suo record dell'ora di ciclismo è qualcosa che rimane nella storia. Un atleta completo che si rapporta al ciclismo italiano con la capacità di mostrare i più autentici e veri valori dello sport.”

 

SEDONI 300x425banner