Prato provincia http://reportsport.it Thu, 15 Nov 2018 03:16:45 +0100 Joomla! - Open Source Content Management it-it Alla bocciofila “Nuova Europa” di Oste la seconda tappa della Coppa Toscana Juniores http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10867-alla-bocciofila-nuova-europa-di-oste-la-seconda-tappa-della-coppa-toscana-juniores http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10867-alla-bocciofila-nuova-europa-di-oste-la-seconda-tappa-della-coppa-toscana-juniores Alla bocciofila “Nuova Europa” di Oste la seconda tappa della Coppa Toscana Juniores

MONTEMURLO - E' stata una vera festa la seconda tappa della Coppa Toscana Juniores 2018/2019, la manifestazione, promossa dalla Federbocce, e riservata ai ragazzi Under 18, Under 15 e Under 12.

Oltre quaranta gli appassionati e divertiti partecipanti, con famiglie entusiaste al seguito, che si sono ritrovati ieri, domenica 11 novembre alla bocciofila Nuova Europa di Oste a Montemurlo. I ragazzi si sono affrontati dando il loro meglio. Negli Under 18 il primo classificato è stato il cortonese Riccardo Mazzoni, davanti ad Andrea Barbieri de La California e ai compagni di squadra Michele Mazzoni e Giacomo Cecchi.

Negli Under 15 Davide Biagi della Migliarina ha vinto precedendo Gabriele Senserini della Sestese, il gemello Lorenzo Biagi, e Tommaso Antonelli di Pieve a Nievole. In corsia anche gli Under 12 con Marco Zerboni della Scandiccese che ha preceduto la cortonese Martina Briganti, il giovane padrone di casa Pasquale Campestre e la sorella Valeria Zerboni. Per quanto riguarda la sfida a squadre Under 12 il primo posto è andato alla compagine della Scandiccese (Marco Zerboni, Valeria Zerboni, Iris Facchini, Filippo Martinelli), davanti alla squadra mista di Prato (Mattia Di Blasi, Pasquale Campestre), a Cortona Bocce (Ettore Trenti, Martina Briganti, Gabriele Giocondi, Miriam Giocondi) e a La California (Filippo Beltrame, Rafael Beckeri, Iacopo Beltrame, Luca Beckeri, Cesare Daniele).

« Per il bocciodromo di Oste è stata una giornata memorabile – commenta il vice presidente della bocciofila Nuova Europa, Fabrizio Botarelli – La presenza di così tanti ragazzi con le loro famiglie ci ha riempito di gioia e soddisfazione. Non ci aspettavamo questo successo, i ragazzi sono arrivati ad Oste da tutta la Toscane. Sicuramente non sarà l'ultimo evento di questo genere, vogliamo che sempre più bambini e ragazzi si avvicinino a gioco delle bocce. Il bocciodromo di Oste è affiliato al Comi e alla Federazione italiana bocce specialità raffa ed abbiamo tanti atleti disponibili a far provare per questo gioco ai ragazzi e a insegnar loro questa disciplina.

L'invito è dunque quello di venirci a trovare». Tanta soddisfazione per il successo della manifestazione è stato espresso anche dall'assessore allo sport, Giuseppe Forastiero: « Complimenti alla bocciofila Nuova Europa per l'importante lavoro di promozione dei questo sport tra i giovanissimi. Il gioco delle bocce è una splendida occasione d'incontro tra generazioni e fa bene a tutti».

]]>
emiliano@dskl.dfs (Emiliano Nesti) Prato provincia Mon, 12 Nov 2018 16:44:59 +0100
Moto Club Prato, premiati a Livorno i Campioni Toscani del Motociclismo http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10820-moto-club-prato-premiati-a-livorno-i-campioni-toscani-del-motociclismo http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10820-moto-club-prato-premiati-a-livorno-i-campioni-toscani-del-motociclismo Moto Club Prato, premiati a Livorno i Campioni Toscani del Motociclismo

PRATO - Si è svolta a Livorno, al bellissimo teatro Goldoni, la premiazione dei Campioni Toscani del Motociclismo 2018, organizzata dal Comitato Regionale Toscana FMI.

Alla manifestazione hanno partecipato le migliori scuderie della Toscana con decine di piloti, protagonisti nei vari campionati del 2018, che si sono ritrovati per la consueta festa, avvenuta alla presenza del presidente nazionale della Federazione Motociclistica Italiana Giovanni Copioli.

I piloti del Moto Club Prato hanno fatto la parte del leone avendo conquistato diversi titoli e podi nei vari campionati principalmente nelle specialità “fuoristrada” come motocross, enduro e minienduro I risultati sono stati entusiasmanti grazie soprattutto alla possibilità che gli atleti hanno avuto da quest’anno di potersi allenare in un’area dedicata che il Comune di Montemurlo ha concesso agli amanti di queste discipline. I piloti della provincia pratese premiati nel corso della cerimonia sono stati:

La squadra di minienduro campione toscana

Valerio Nesi campione toscano motocross classe over 35 mx2

Andrea Benedetti campione toscano classe dil. Over 35 mx2

Andrea Mattei Campione toscano enduro classe 250 4T

Matteo Giuliani vice campione toscano minienduro classe cadetti

Andrea Gualtieri vice campione Toscano classe 250 4T

Tommaso Donnini vice campione toscano classe ultra T. oltre 250 2T

Alessio Giuliani vice campione toscano classe ultra t. fino a 250 2T

Adriano Pagli vice campione Toscano velocità in salita classe 600 stk

Massimiliano Bacchetti 3° classe major fino a 250 2 T

Ilario Taddei 3° classe major fino a 250 4T

Tommaso Conti 3° classe 250 4T

Matteo Nerini 3° classe ultra t. fino a 250 4T

Enrico Quercia 3° classe ultra t. fino a 250 2T.

Per questi ottimi risultati il Moto club Prato ci tiene a ringraziare lo staff e gli sponsor: Gruppo Estra, CNA Artigianato Pratese, Ballerini Carrelli, Caratello Spedizioni, Orditura G.N., Banci Marco, Valentini Moto, Futura Gomme, Idro Tecnology e BM Clima Energie Gruppo Bosch Temotecnica.

]]>
emiliano@dskl.dfs (Emiliano Nesti) Prato provincia Thu, 08 Nov 2018 16:57:55 +0100
" Il calcio che vorrei ", le idee di Luca Diddi raccolte in un libro http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10698-il-calcio-che-vorrei-le-idee-di-luca-diddi-raccolte-in-un-libro http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10698-il-calcio-che-vorrei-le-idee-di-luca-diddi-raccolte-in-un-libro

“Il calcio che vorrei”, è il titolo del libro scritto da Luca Diddi.

Un idea che racchiude le differenze tra il calcio di oggi e quello vissuto di un tempo che racconta quel calcio genuino, pieno di valori, di passioni, sacrifici e motivazioni. 

Nato a Firenze, Luca Diddi, è un allenatore professionista e il suo credo principale è che la base di un successo deriva dal gruppo e dall'abilità di lavorare insieme verso un obiettivo comune organizzato. È il carburante che permette a persone comuni di ottenere risultati non comuni. Da calciatore ha svolto il settore giovanile nella Pistoiese fino a toccare la prima squadra ma un infortunio ne ha segnato il prematuro ritiro dal campo. La passione è ancora forte e così inizia la carriera da allenatore, in cui dopo numerose esperienze nei dilettanti tra settore giovanile e prime squadre con grandi risultati arriva nei professionisti con il Carpi FC 1909, dove in tre anni fa la scalata dall'under 16 alla Primavera.

Perché ha scritto questo libro?

I libri sono beni durevoli. Beni che non scompaiono nonostante il tempo e la polvere. Per questo mi sono affidato a questo mezzo per far rivivere a tutti il calcio di un tempo, fatto di passione, sacrifici, panini mangiati al volo prima dell’allenamento. Il calcio in cui l’unico attore protagonista era il pallone in quel campetto sconnesso dietro casa, luogo di ritrovo e divertimento, sognando un giorno di entrare in quel mondo dove i sogni diventano realtà. Questo libro sono io. Questo libro è chi ama follemente questo sport.

“A volte mi chiedono perché lo faccio, perché ho passato e sto passando la mia vita a inseguire un pallone. Semplice, tutto è racchiuso in un’unica parola: passione.
La stessa passione che, quando ero ragazzino, mi faceva stare ore e ore a giocare scorrazzando su e giù per le vie di Montemurlo inseguendo un sogno. 

Quello stesso valore che ogni notte mi faceva andare a dormire con un pallone stretto tra i piedi. Ho sempre creduto fortemente in questo valore intriso di significato, l’ho sempre visto come quel “qualcosa in più” che può farti arrivare.
È senz’altro il valore che più rispecchia la mia idea di calcio, senza passione ogni sforzo è vano.

https://bookabook.it/libri/il-calcio-che-vorrei/?fbclid=IwAR2e0epqGBSAbFIdltk4UqhYnsZln00PBQ4SMrtOpf-cEo_cabF0ukqr8n8

]]>
emiliano@dskl.dfs (Emiliano Nesti) Prato provincia Sun, 28 Oct 2018 23:37:38 +0100
1° Quadrangolare di pallamano a ruota libera http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10558-1-quadrangolare-di-pallamano-a-ruota-libera http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10558-1-quadrangolare-di-pallamano-a-ruota-libera 1° Quadrangolare di pallamano a ruota libera

MALISETI - E' stato presentato questa mattina in palazzo comunale il 1° quadrangolare di pallamano A Ruota Libera in programma domenica 21 ottobre, dalle 9 alle 18, al Palakobilica di Maliseti. 

L'evento, che sarà ad ingresso gratuito, ha il patrocinio del Comune e vede la partecipazione di 4 squadre composte da ragazzi normodotati e da ragazzi disabili che si sfideranno in un girone unico a partire dalle 10. Le 4 squadre coinvolte sono la Pallamano Tavarnelle, la Tushe Prato la Pallamano a Ruota libera Prato e la ASDA Superteam Libertas di Perugia.

"Per noi questa iniziativa è davvero importante - ha affermato il vice sindaco e assessore allo Sport Simone Faggi -. L'evento rimanda a uno sport, la pallamano, che ha reso grande Prato in Italia e in Europa ed è importante per l'amministrazione riconoscere il grande lavoro svolto dalle società in termini di impegno verso l'inclusione sportiva. Poter permettere ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità è un messaggio e un obiettivo bellissimo. Abbiamo intrapreso un percorso - prosegue il vice sindaco - che ci porterà nei prossimi mesi, insieme ai diversi partner tra cui Decathlon che è lo sponsor tecnico della manifestazione, a dotare le società di 7 carrozzine sportive. Una di queste, acquistata da Gida, è già arrivata e un'altra sarà consegnata nei prossimi giorni."

Nel pomeriggio di domenica sono previsti anche l'intervento del maresciallo Giuseppe Giangrande che sensibilizzerà i ragazzi sul fenomeno del bullisimo e sull'uso delle sostanze stupefacenti e la visita di Christian Giagnoni, fresco vincitore del giro d'Italia Handbike. Durante il corso della giornata ci saranno anche momenti per far giocare chi interverrà alla manifestazione.

"Quando si gioca siamo tutti uguali - ha affermato Santino Sidoti referente progetto pallamano A Ruota Libera - e per alcuni ragazzi e le loro famiglie questa possibilità, che spero diventi sempre più presente, è davvero un regalo. Quello che il progetto A Ruota Libera sta facendo è unico in Italia ed è merito di tutte le varie realtà coinvolte, dall'amministrazione che ci ha supportato da subito, alla Pallamano Prato, al Coni, al Comitato paralimpico e anche ai fisioterapisti che con passione seguono i nostri ragazzi".

Il progetto A Ruota Libera, nato nel 2015, è indirizzato a tutti i ragazzi e le ragazze da 7 anni in poi, portatori di varie disabilità e normodotati, che desiderano fare un'esperienza sportiva inseriti in un contesto di squadra. 

]]>
emiliano@dskl.dfs (Emiliano Nesti) Prato provincia Wed, 17 Oct 2018 16:21:13 +0200
Pasquale Campestre è il nuovo campione di bocce http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10542-pasquale-campestre-e-il-nuovo-campione-di-bocce http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10542-pasquale-campestre-e-il-nuovo-campione-di-bocce Pasquale Campestre è il nuovo campione di bocce

OSTE - Si chiama Pasquale Campestre ha 12 anni, è di Oste ed è il nuovo campioncino di bocce a raffa della bocciofila “Nuova Europa”

 Pasquale, che ha iniziato a praticare questo sport da poco tempo si è già messo in evidenza e, in occasione della prima tappa della coppa juniores - gara individuale under 12, che si è svolta qualche giorno fa a Pieve a Nievole, si è classificato al secondo posto. « Pasquale è una speranza per questo sport che ha bisogno di giovani – dice il presidente della bocciofila Nuova Europa, Fabrizio Botarelli – e la nostra società gli darà tutta la disponibilità e il sostegno per continuare ad allenarsi e crescere tecnicamente». Anche l'assessore allo sport del Comune di Montemurlo, Giuseppe Forastiero, si è complimentato per il bel risultato ottenuto da Pasquale, che dimostra:« che sbaglia chi considera le bocce uno sport da anziani». Pasquale Campestre il prossimo 11 novembre parteciperà ad una grande gara a livello nazionale con oltre cento ragazzi provenienti da tutta Italia che si svolgerà proprio a Oste.  

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Prato provincia Mon, 15 Oct 2018 18:33:08 +0200
E' di Montemurlo il vice campione italiano di biliardo http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10498-e-di-montemurlo-il-vice-campione-italiano-di-biliardo http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10498-e-di-montemurlo-il-vice-campione-italiano-di-biliardo E' di Montemurlo il vice campione italiano di biliardo

MONTEMURLO - È di Bagnolo, frazione di Montemurlo, il vice campione di biliardo all'italiana a squadre 2017-2018.

Si chiama Michel Galeotti, ha 27 anni ed insieme alla famiglia gestisce la mesticheria Bessi di via Montalese. Se pensate, dunque, che stecca e birilli siano uno sport da vecchi, vi dovrete ricredere subito. Michel porta il nome di Platini, ma ai campi di calcio ha preferito il tappeto verde, le stecche e i birilli. All'età di 17 anni scopre quasi per caso il biliardo, frequentando il circolo Arci “Gino Gelli”, a pochi passi da casa, e le prime steccate sono con gli amici “grandi”, Fernando Caruso e Piero Cirri, che gli trasmettono la passione.« Ho iniziato per gioco ma ho iniziato subito a vincere: mi sono classificato terzo in Toscana e quinto ai campionati italiani juniores. - dice Michel- La mia fortuna è stata quella di essere chiamato da Matteo Gualemi (fiorentino, campione italiano, europeo e mondiale di biliardo) e con lui sono cresciuto molto e in fretta. A 22 anni ero già in prima categoria. Ho vinto due campionati a squadre serie A nel 2015-2016 e 2016-2017, mentre nel 2017 mi sono laureato vice campione italiano di biliardo a squadre». Michel ha inoltre vinto singolarmente due prove di selezione per i campionati italiani, primo nella classifica regionale, terzo assoluto ai campionati italiani di prima categoria che gli hanno dato accesso alla categoria master. « Il biliardo è uno sport di logica, di tattica e intelligenza che richiede calma e concentrazione. Ogni giorno, dopo il lavoro, vado al Circolo ad allenarmi e tra i miei spettatori più assidui c'è sempre Roberto Biagini, che ama questo sport e sogna di portare una gara proprio qui a Montemurlo», continua Michel Galeotti. Un' idea che piace all'assessore allo sport, Giuseppe Forastiero, sulla quale lavorerà nei prossimi mesi:« Montemurlo è una città di sportivi ad alti livelli come dimostra la storia di Michel Galeotti che a 27 anni è già un campione affermato di biliardo. Quando, alcune settimane fa, abbiamo premiato gli atleti dell'anno, ci sono arrivate tantissime segnalazioni di atleti montemurlesi che non conoscevamo. ma che hanno raggiunto traguardi importanti. Questo ci conferma che Montemurlo è un territorio che ama lo sport e lo pratica ad altissimi livelli».

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Prato provincia Thu, 11 Oct 2018 16:48:15 +0200
Fa tappa a Vernio la ciclostaffetta a Roma per Giulio http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10363-fa-tappa-a-vernio-la-ciclostaffetta-a-roma-per-giulio http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10363-fa-tappa-a-vernio-la-ciclostaffetta-a-roma-per-giulio Fa tappa a Vernio la ciclostaffetta a Roma per Giulio

VERNIO - Ha fatto tappa anche a Vernio e a Vaiano lungo il percorso per Roma la ciclostaffetta A Roma per Giulio.

Ieri in Val di Bisenzio sono arrivati i 3 ciclisti, partiti il 22 settembre da Duino/Fiumicello in provincia di Trieste, il paese di Regeni, con l’obiettivo di arrivare a Roma il 3 ottobre. La loro missione è consegnare nelle mani delle maggiori istituzioni nazionali la lettera della famiglia Regeni, nella quale si riassumono i risultati raggiunti e si chiedono ulteriori azioni per ottenere la verità su ciò che è realmente successo nel gennaio di due anni fa in Egitto. L’iniziativa fa parte della campagna del Comitato Verità per Giulio Regeni.

I sindaci di Vernio Giovanni Morganti e di Vaiano Primo Bosi, anch’essi in sella alle biciclette, hanno accolto i ciclisti al ponte di Rasora, che segna il confine fra Emilia Romagna e Toscana, poi hanno percorso con loro la strada fino a Vernio, dove si è svolto, in piazza a San Quirico, un breve incontro pubblico. Poi il gruppo si è spostato a Vaiano, via Braga e piazza Galilei, termine della tappa. Qui il secondo incontro e la cena alla Casa del Popolo. Un tripudio di giallo la piazza di San Quirico a Vernio, via Braga e la piazza Galilei a Vaiano per testimoniare il sostegno al Comitato e all’iniziativa. Molti i ciclisti che si sono uniti al gruppo insieme ad amministratori e rappresentanti di associazioni del territorio.

All’evento hanno aderito tutti i Comuni della provincia, oltre all’ANPI, alla CGIL, all’ARCI, al Consiglio comunale dei ragazzi alla Sartoria di Vaiano e alla Pubblica Assistenza di Vaiano. L’iniziativa A Roma per Giulio vede impegnati i tre staffetisti di FIAB Monfalcone Bisiachinbici, l’associazione che ha ideato e realizza l’evento per coinvolgere i Comuni che verranno attraversati dal percorso, ma anche il mondo associativo, del volontariato, le scuole e tutti coloro che vorranno aderire e supportare l’iniziativa (scrivere a ciclostaffettapergiulio@gmail.com).

Oggi la ciclostaffetta è ripartita da Vaiano per la tappa fiorentina, che ha come obiettivo la mostra Firenze Libro Aperto. Ad accogliere i ciclisti ci sarà anche Sergio Staino che ha disegnato il logo dell’iniziativa.

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Prato provincia Sat, 29 Sep 2018 15:12:58 +0200
A Roma per Giulio, venerdì arriva la ciclostaffetta http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10332-a-roma-per-giulio-venerdi-arriva-la-ciclostaffetta http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10332-a-roma-per-giulio-venerdi-arriva-la-ciclostaffetta A Roma per Giulio, venerdì arriva la ciclostaffetta

VAIANO (PO)  - Parte da San Benedetto Val di Sambro e fa tappa anche a Vernio e a Vaiano lungo il percorso per Roma.

È la ciclostaffetta A Roma per Giulio, che venerdì 28 settembre arriva in Val di Bisenzio. 3 ciclisti partiti il 22 settembre da Duino/Fiumicello in provincia di Trieste con l’obiettivo di arrivare a Roma il 3 ottobre per consegnare, nelle mani del presidente della Repubblica, del Governo e delle maggiori istituzioni nazionali, la lettera della famiglia Regeni, nella quale si riassumono i risultati raggiunti e si chiedono ulteriori azioni per ottenere la verità su ciò che è realmente successo nel gennaio di due anni fa in Egitto.

I sindaci di Vernio Giovanni Morganti e di Vaiano Primo Bosi, anch’essi in sella alle biciclette, li accoglieranno al ponte di Rasora, che segna il confine fra Emilia Romagna e Toscana, poi percorreranno con loro la strada fino a Vernio, dove alle 17 ci sarà una sosta in piazza a San Quirico con un breve incontro pubblico, per giungere a Vaiano, in piazza Galilei, termine della tappa, con l’altro incontro pubblico e la cena alla Casa del Popolo. La piazza di San Quirico a Vernio e via Braga e la piazza Galilei a Vaiano per l’occasione saranno addobbate con striscioni e palloncini gialli per l’occasione.

All’evento hanno aderito tutti i Comuni della provincia, oltre all’Anci, all’Arci e al Consiglio comunale dei ragazzi. A Vaiano ci saranno infatti anche il vice sindaco di Prato Simone Faggi, la presidente del Consiglio comunale Ilaria Santi, i sindaci di Cantagallo, Montemurlo, Carmignano e Poggio a Caiano e il presidente dell’Arci provinciale Enrico Cavaciocchi.

L’iniziativa A Roma per Giulio vede impegnati i tre staffetisti di FIAB Monfalcone Bisiachinbici, l’associazione che ha ideato e realizza l’evento, partiti da Duino alla volta di Roma con l’intenzione di coinvolgere i Comuni che verranno attraversati dal percorso, ma anche il mondo associativo, del volontariato, le scuole e tutti coloro che vorranno aderire e supportare l’iniziativa (scrivere a ciclostaffettapergiulio@gmail.com).

Domani la ciclostaffetta riparte da Vaiano per la tappa fiorentina che ha come obiettivo la mostra Firenze Libro Aperto, dove sono attesi anche da Sergio Staino, che ha disegnato il logo della manifestazione.

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Prato provincia Wed, 26 Sep 2018 17:48:54 +0200
Montemurlo, il Comune di Montemurlo premia l'Atleta dell'anno 2018 http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10289-montemurlo-il-comune-di-montemurlo-premia-l-atleta-dell-anno-2018 http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10289-montemurlo-il-comune-di-montemurlo-premia-l-atleta-dell-anno-2018 Montemurlo, il  Comune di Montemurlo premia l'Atleta dell'anno 2018

MONTEMURLO - A Montemurlo, dopo due anni di pausa, ritorna l'”Atleta dell'anno”, il premio voluto dal Comune per dare un riconoscimento alle eccellenze sportive del territorio e alle nuove promesse.

Rispetto al passato, la cerimonia dell' Atleta dell'anno, andata in scena ieri sera 21 settembre al teatro della Sala Banti, ha visto alcune novità. Quest'anno, infatti, i premiati sono stati suddivisi in due le categorie: i “big”, i campioni assoluti dello sport e veri e propri “testimonial” dello sport “made in Montemurlo” e gli esordienti ai quali è andata la targa dell'Atleta dell'anno come riconoscimento per i traguardi raggiunti e incoraggiamento per il futuro, come spiega l’assessore allo sport, Giuseppe Forastiero:« Lo sport in questi ultimi anni a Montemurlo è cresciuto moltissimo ed è un mondo vivace e in continuo fermento.

A dircelo sono le tantissime segnalazioni di atleti che ci sono arrivate in occasione del “premio atleta dell’anno” e le continue richieste di spazi per la pratica sportiva da parte delle associazioni. Il premio “Atleta dell’anno” vuol essere un riconoscimento da parte del Comune a tutti quegli atleti, affermati ed emergenti, che con il loro lavoro, la loro passione, il loro impegno tengono alto il nome dello sport montemurlese». La cerimonia di premiazione è stata anche l’occasione per ribadire che non si è sportivi se non si mettono in atto le regole del fairplay in campo e sugli spalti, il rispetto degli avversari e degli arbitri. A questo proposito il CGFS ha presentato il progetto “No violence in sport” che dai prossimi mesi coinvolgerà la scuola, le famiglie e il mondo sportivo montemurlese. Inoltre sempre sul tema del fairplay e del rispetto nello sport è intervenuto il presidente del Panathlon Club Prato, Becagli, che ha premiato, insieme all’assessore Forastiero gli atleti emergenti.
Per quanto riguarda i “testimonial” del grande sport montemurlese sono stati premiati Lorenzo Dalla Porta, assente giustificato perché impegnato nelle prove del Motomondiali, ad appena 21 anno, lo scorso 9 settembre ha vinto sul circuito di Misano la sua prima gara del Motomodiale. Era presente, invece, a ritirare il premio Emiliy Amal Wahby, 34 anni, campionessa di Muay Thai con un curriculum d'eccellenza: nel 2017 medaglia d'oro ai Mondiali Muay Thai WMO 57Kg, nel 2016 ELITE FIKBMS Champion LK 60Kg e Medaglia d'Oro ai Mondiali Muay Thai WMO 57Kg, nel 2013 Medaglia di Bronzo Mondiali Kickboxing Low Kick 60 Kg WAKO, nel 2011 campionessa italiana WAKO PRO K1 Rules 60Kg, nel 2014 medaglia d’argento al Valore Atletico CONI.

La fama lo precede: Marco Innocenti, 40 anni, non ha bisogno di presentazioni: medaglia d'argento alle Olimpiadi di Rio 2016 nel tiro a volo double trap, la sua carriera è costellata di successi e solo lo scorso 10 settembre è tornato a casa dai Mondiali di Tiro a Volo - double trap maschile seniores in Corea con l’oro a squadre in tasca.
Leonardo Mantelli, 22 anni, è l'asso della palla ovale. Il giovane atleta ha iniziato con il Gispi Rugby Prato, poi, a 12 anni è passato nelle giovanili dei Cavalieri e, dopo varie selezioni della Federazione italiana rugby, a 15 anni ha fatto un anno all'accademia zonale “Fiamme oro” di Roma, quindi è passato all'accademia di Prato e poi a quella nazionale di Parma “Ivan Francescato”, dov'è cresciuto tra “i migliori”. Dopo un anno in serie a, nel 2015 ha avuto la possibilità di giocare a Rovigo nella massima serie, dov'è arrivata la soddisfazione dello scudetto. Un grandissimo esempio di determinazione e forza è poi
Christian Giagnoni, 43 anni, maglia rosa al Giro d'Italia handbike 2017, così come Jacopo Luchini, 28 anni, altro atleta paralimpico nello snowboard. Esordisce nel 2015 in nazionale e nel 2018 è già alle Paralimpiadi di PyeongChang dove gareggerà nel boardercross (4° classificato). Nel 2017 ha vinto il bronzo ai Mondiali di parasnowboard “Big White” in Canada. Nel 2018 ha conquistato tre medaglie d'argento nel banked slalom e tre di bronzo nel banked slalom, una nel border cross. Ha ritirato il premio il padre, Jacopo, infatti, era impegnato negli allenamenti allo Stelvio. Riconoscimento anche a Pasquale Renzulli, 54 anni carabiniere, campione italiano tiro rapido monofilari, premiato dal luogotenente di Montemurlo, Quintino Preite . Per quanto riguarda il calcio Montemurlo vanta ben due giocatori in serie A che sono stati premiati con la targa riservata ai “big”. Christian Kouamé, 21 anni , originario della Costa d'Avorio, è attaccante del Genoa e della nazionale Under-23 ivoriana. E’ diventato papà in questi giorni, ha mandato agli amici di Montemurlo un messaggio video da Genova, dov’è impegnato con gli allenamenti. Ha ritirato il premio il fratello.Premiato anche Manuel Pucciarelli, 27 anni, trequartista attaccante del Chievo, in prestito dall'Empoli, ha esordito in serie A il 31 agosto 2014, anche lui assente giustificato per impegni sposrtivi . Riconoscimento alla bella e lunga carriera di Marco Martorana, 43 anni, si è laureato campione del Mondo nella categoria -85kg aggiudicandosi la finale contro un atleta della Azerbaijian. Premio anche a Matteo Zucchetti, 21 anni, montemurlese, “emigrato” nel 2017 a Pieve San Giacomo (CR) per giocare a hockey su pista, è stato convocato per la nazionale Under 15 due anni fa e con l'Under 17 per gli Europei, ha ritirato il premio il padre.Il riconoscimento riservato ai testimonial è andato anche alla società Bocciofila Pietro Vannucci d Montemurlo, vincitrice del primo campionato toscano femminile di bocce a striscio (2015) e del campionato regionale "Lui e lei" (2017) e la bocciofila Nuova Europa di Oste, arrivata seconda nel 2018 al Trofeo città di Prato.
Il premio “ATLETA DELL'ANNO 2018” agli esordienti è andato ad ex aequo a Desirée Cocchi, pratese, 18 anni, atleta dell'associazione sportiva “ Bagnolo Sport”, campionessa di pattinaggio artistico, seconda classificata Juniores agli europei 2018, terza classificata alla coppa di Germania e terza al campionato italiano. Premio anche a Eleonora Giachi montemurlese, 11 anni, della società Area Managers Consulting Group ssd arl, è campionessa Italiana Karate 2018. Premiate due atlete della giovane associazione sportiva montemurlese Asd Corallo, Emma Fiori, 10 anni, campionessa di ginnastica ritmica al Campionato Italiano individuale a corpo libero dove si è classificata al secondo posto e dodicesima al campionato Italiano alla palla, e Sofia Gori, 14 anni, campionessa di ginnastica ritmica, campionessa interregionale alle clavette, campionessa interregionale nastro, terza classificata clavette e sesta classificata al nastro al campionato nazionale Gold FGI. L'atleta dell'anno, infine, è andato anche a due squadre, agli esordienti A 2005 Jolly Montemurlo, primi al campionato Provinciale Esordienti A 2005 e primi al Torneo A.Soffici CSD; e alla Montemurlo Basket Under 18, vincitori del campionato regionale FIP.
Un premio speciale è andato ad un atleta a quattro zampe, la cagnolina meticcia Maisa, campionessa mondiale di agility dog 2016 e 2018, accompagnata dal suo padrone Giacomo Biancalani, uno dei titolari del bar Gabardina di via Milano.

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Prato provincia Sat, 22 Sep 2018 12:42:44 +0200
Moto Club Prato, prorogata la concessione dell'area http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10283-moto-club-prato-prorogata-la-concessione-dell-area http://reportsport.it/index.php/prato/prato-provincia/item/10283-moto-club-prato-prorogata-la-concessione-dell-area Moto Club Prato, prorogata la concessione dell'area

MONTEMURLO - È stata prorogata fino al 31 dicembre la convenzione tra il Comune di Montemurlo e l'associazione sportiva dilettantistica “MotoClub Prato”.

La concessione riguarda l'area di proprietà comunale posta tra il campo sportivo “Ado Nelli” e la cassa di espansione del torrente Agnaccino.

L'associazione sportiva, a proprie spese, si è occupata della pulizia e della sistemazione della zona, poi adibita a pista di motocross per gli allenamenti e le prove degli associati del Motoclub. « L'intento della concessione è stato quello di affidare un'area pubblica non utilizzata ad un'associazione che la potesse sfruttare per la pratica sportiva e che quindi si impegnasse a mantenerla pulita e in buono stato- spiega l'assessore ai lavori pubblici, Simone Calamai - Un modo anche per aumentare le occasioni per praticare sport sul territorio. Secondo quanto prevede la convenzione, inoltre, l'amministrazione comunale potrà richiedere in qualsiasi momento la restituzione dell'area che, ad esempio, perché potrebbe essere utilizzata per l'ampliamento degli impianti sportivi del Nelli»

Per non creare disturbo alle attività della zona, con l'associazione sportiva è stato concordato il periodo di utilizzo dell'area, dalle alle ore 8 alle ore 19 con un intervallo dalle ore 13 alle ore 16 nel periodo che va dall' 1 aprile al 31 ottobre e dalle ore 8 alle 19 con un intervallo dalle ore 13 alle ore 14.30 nel periodo che va dal 1 novembre al 31 marzo; inoltre le attività saranno vietate fino alle ore 10,30 del sabato e della domenica mattina e nei giorni festivi e in orari concomitanti a partite ufficiali della prima squadra del Jolly Montemurlo o in altre occasioni sportive di particolare interesse per l'impianto sportivo Ado Nelli.

Il Moto Club Prato, domenica 23 settembre sarà presente alla festa dello sport che si svolgerà nell'ambito di “Montemurlo Arte, lavoro e sport”. Un'occasione per avvicinarsi a questa disciplina e fare una prova di mini moto da fuoristrada gratuita. L'associazione sarà presente dalle ore 9 alle ore 18 ai giardini di via Deledda di Montemurlo. La prova è riservata a bambini dai 7 ai 14 anni. È indispensabile la presenza dei genitori. 

]]>
emiliano@dskl.dfs (Emiliano Nesti) Prato provincia Fri, 21 Sep 2018 16:25:54 +0200