header rsport
 

.

 

.

 

Mercoledì, 25 Aprile 2018 09:29

Un gol per la solidarietà, il torneo di calcio manda in vacanza dieci ragazzi disabili

MONTEMURLO - Sabato 28 aprile ore 10 allo stadio “Ado Nelli” di Oste si svolgerà “Un gol per la solidarietà”, il primo torneo di calcio categoria pulcini (2009 - 2010 – 2011-2012) promosso dal Lions Montemurlo e dalla società sportiva Jolly Montemurlo, con il patrocinio del Comune.

Non un semplice torneo di calcio, come quelli che in questa stagione si giocano in quasi tutti i campi, ma un vero e proprio evento sportivo di solidarietà. Tutti i fondi raccolti durante la giornata, infatti, andranno a finanziare il Campo Toscana giovani disabili “Campo solidarietà Giancarlo Poggi”, come spiega la presidente del Lions Montemurlo, Alessandra Colzi: « Ogni anno il Lions promuove un periodo di vacanza per dieci giovani disabili motori dai 16 ai 22 anni provenienti da tutto il mondo che, come i loro coetanei normodotati, avranno la possibilità di viaggiare, incontrarsi e stare insieme. Dal 28 luglio al 10 agosto prossimi i ragazzi saranno ospitati in una struttura a Lucignano in provincia di Arezzo, dove svolgeranno varie attività sportive adattate ed inoltre da qui partiranno alla scoperta delle più belle città della Toscana.

Un grande grazie va al Jolly Montemurlo che ha condiviso con noi questa importante finalità sociale ed ha avuto l'idea del torneo». A dare il calcio d'inizio sarà presente una gloria del calcio, Sergio Brio, ex difensore della Juventus, squadra in cui militò per oltre un decennio, a cavallo degli anni Settanta e Ottanta, in qualità di stopper, divenendo tra i pilastri di un blocco difensivo ritenuto tra i migliori della storia dello sport. « Sport e solidarietà sono un binomio vincente. Siamo davvero felici che sul territorio nascano positive collaborazioni come quella tra i Lions e il Jolly, due associazioni accomunate da un obbiettivo nobile come quello di far vivere una vera vacanza a chi ogni giorno deve affrontare tante difficoltà. Esperienze bellissime che tutti dovrebbero poter vivere», conclude

SEDONI 300x425banner