Reportsport-podismo
 
.

 

.

 

Giovedì, 27 Luglio 2017 10:17

Hoka One One è il nuovo sponsor tecnico della Pisa Marathon

PISA -Il nuovo sponsor tecnico 2017 – 2018 della Pisa Marathon, la cui diciannovesima edizione si correrà domenica 17 dicembre, sarà Hoka One One: è stato, infatti, recentemente siglato e presentato a Milano un accordo biennale che vedrà la 42km pisana, da anni saldamente nella Top Ten delle Maratone italiane, collaborare con l’azienda di calzature running franco-americana che “vola sopra la terra”.

“La Pisa Marathon – hanno spiegato da Hoka One One Italia – rappresenta una competizione unica nel suo genere, a causa delle sue caratteristiche tecniche, ma anche per l’unicità del territorio in cui si svolge. Motivi, questi, che hanno spinto Hoka a diventarne il partner tecnico. L’obiettivo è di contribuire a caratterizzare l’evento in modo unico, facendo leva su strategie di comunicazione innovative per portare la notorietà dei due brand ad un nuovo livello”. L’azienda, infatti, in questo momento è uno dei brand sportivi in maggior rapida ascesa: merito della tecnologia che sta alla base delle proprie calzature, specificatamente studiate per dare sostegno in qualunque situazione. “Siamo molto soddisfatti di questo accordo – ha spiegato Sergio Costanzo di 1063AD, Società organizzatrice della PisaMarathon e de La Pisanina – perché rappresenta non solo una collaborazione con un’azienda di primissimo piano, ma anche perché sottolinea il livello raggiunto dal nostro evento, caratterizzato da un percorso piatto e veloce, ma anche suggestivo e vario perché in grado di condurre i podisti dal centro storico della città fino al mare!” “Nel 1999 alla prima edizione organizzata da Confesercenti Toscana Nord, e oggi abbiamo qui Stefania Rossi in rappresentanza – continua Sergio Costanzo -, erano circa 250 partecipanti. Nell’ultima edizione a dicembre 2016 in 3400 hanno tagliato il traguardo tra la 21 e la 42km agonistica e a questi vanno aggiunti altri mille iscritti alle non competitive. Runner provenienti da 55 nazioni estere, l’idea è di arrivare a 4000 in questa edizione del 17 dicembre e a 5000 iscritti in occasione della ventesima edizione del dicembre 2018. Migliaia di partecipanti che generano un indotto economico sul territorio di oltre 2,5milioni di euro. Ora siamo anche Bronze Label Fidal, l’obiettivo è diventare ‘Silver’ già dalla prossima edizione. Inoltre, dato al quale teniamo molto, la nostra è una gara molto apprezzata dalle donne. E’ altissima la percentuale di partecipanti femminili. Nella mezza maratona siamo al 25%, nella maratona siamo sul 18%, con ogni probabilità la maratona con la più elevata percentuale tra le top 10 maratone italiane”: La collaborazione tra la maratona pisana e l’azienda francese ha, inoltre, portato alla nascita del team “Flying Girls” che ha accettato la sfida di Pisa Marathon ed HOKA ONE ONE di correre la loro prima maratona. Un running team di neofite composto da Influencer che per diciotto mesi correranno, e si alleneranno, mettendo nel mirino La Pisanina per il 2017 e la Pisa Marathon per il 2018: “1063AD – ha spiegato Andrea Maggini membro del direttivo 1063AD – fornirà alle atlete la consulenza di alcuni tecnici del nostro Team che le accompagneranno all’esordio di dicembre alla Mezza Maratona. Anche questo è un progetto nel quale crediamo fermamente – ha proseguito Maggini – perché conferma l’importanza che noi come Organizzazione diamo al coinvolgimento del mondo femminile nell’universo della corsa… un dato su tutti, a dimostrazione di ciò: nel 2016 il nostro evento ha avuto una delle percentuali di atlete femminili tra le più alte d’Italia… il 17 per cento!”.

In rappresentanza di Hoka presenti oggi il maratoneta Massimo Ciocchetti con oltre 100 maratone all’attivo, Michele Evangelisti, l’ultratrailer Roberto Beretta e la blogger Roberta Mirata che sono intervenuti raccontando le loro esperienze di runner. LE ALTRE GARE 1063AD – Oltre alla Pisa Marathon ed a La Pisanina, che domenica 17 dicembre saranno accompagnate anche da tre Christmas Run non competitive di 14, 7 e 3k, 1063AD organizza nel territorio numerose altre gare, sia stradali che offroad, come il Vertical Faeta di febbraio, 3,5k con 800 metri di dislivello positivo, il Trail dei Monti Pisani di marzo, 45,6k con 2.712 metri di dislivello, 26,5k con 1.350 metri di dislivello e 17,8k con 1.004 metri di dislivello, il Giglio Paradise Run&Trail di marzo, 26,4k con 1.350 metri di dislivello e 10,6k con 550 metri di dislivello aperta a tutti (anche passeggiatori), e la City Track Run di ottobre, manifestazione ludico – motoria di orienteering in notturna a squadre con una App sviluppata internamente. Per le iscrizioni è sufficiente consultare il sito www.maratonadipisa.com o procedere direttamente su www.mysdam.net o aspettare l’1 settembre quando in tutta Italia si apriranno i PisaMarathon Points nei vari negozi specializzati running o altri punti di interesse. ESCHER – Come tutti gli anni, anche per il 2017 la PisaMarathon ha legato il proprio nome a quello di un grandissimo artista di fama internazionale, l’incisore e matematico olandese Maurits Cornelius Escher, senza dubbio uno dei più apprezzati e dibattuti artisti del Novecento. Le opere, che saranno esposte all’interno delle sale del Palazzo Blu, rappresenteranno una raccolta dell’arte dello scienziato – artista che ha saputo coniugare nelle proprie litografie, xilografie e chine concetti come il moto perpetuo, l’infinito, l’autoreferenzialità, i processi ricorsivi ed oggetti impossibili come il Triangolo di Penrose o il Cubo di Necker. Prossimi obiettivi di 1063AD (ricordiamo che il nome della società sportiva deriva dalla posa della prima pietra del Duomo di Pisa, il principio di un’avventura fantastica) riguardano la costruzione di una maratona ‘accessibile’ nel tempo come primo esempio internazionale verso tutte le disabilità, passare dagli attuali 700 volontari a 1000, arrivare a quota 5000 partecipanti nelle due gare competitive con l’ampliamento e la chiusura di alcune strade critiche per ricevere una massa importante di così tante persone, aumentare la percentuale di partecipazione femminile, il Silver label e la costruzione di altri eventi nell’area della Valdera e della zona di Piombino già a partire dal 2018. Sempre seguendo la principale missione societaria: la valorizzazione dei territori e delle loro eccellenze in nome della pratica sportiva e del movimento, lento, green e sempre più sostenibile ed accessibile per una crescita generale, culturale, etica e con ricadute sul territorio che punta su tali progetti.

 

SEDONI 300x425banner