header rsport
 
.

 

.

 

Mercoledì, 11 Aprile 2018 16:18

Jaylen Bond compie gli anni. "Non sono soddisfatto dei miei alti e bassi, ma sono ancora giovane"

Jaylen Bond compie gli anni. "Non sono soddisfatto dei miei alti e bassi, ma sono ancora giovane" Fedi Giovanni

di Leonardo Cecconi

PISTOIA – La sconfitta a Pesaro ha fatto tornare la The Flexx bruscamente con i piedi a terra.

Nessuno aveva fatto voli pindarici, ma le due vittorie con Venezia e Torino avevano fatto sperare pubblico ed addetti ai lavori, che il finale della stagione potesse anche regalare gioie inaspettate. Purtroppo il pessimo inizio ed il brutto finale di gara di Pesaro, hanno spento entusiasmi mai sopiti e adesso Pistoia si trova a dover conquistare punti per la matematica salvezza nelle rimanenti gare. Domenica arriva Sassari, che probabilmente è una delle squadre più battibili tra i prossimi avversari dei biancorossi, in un insolito orario di fine mattina; a parlarne in conferenza è toccato questa settimana a Jaylen Bond, l'americano che proprio oggi compie il suo venticinquesimo anno di età. “Dopo un buonissimo approccio nelle gare con Venezia e Torino, a Pesaro abbiamo iniziato in modo del tutto sbagliato. Con Sassari dobbiamo cercare di partire con grande determinazione e cominciando forte e duro, perchè sennò ci troviamo costretti a rincorrere. Kennedy ed Ivanov sono due giocatori molto diversi, ma non è una scusante per il mio calo di rendimento; io devo giocare aggressivo e non sono affatto contento di come sto giocando. Devo essere più consistente e costante, perchè gli alti e bassi non fanno bene per trovare fiducia in se stessi; quando si gioca ci vuole fiducia in quello che si sta facendo e sto lavorando proprio su questo. In realtà non credo che il mio rendimento sia dovuto ai cambiamenti in squadra, perchè anche lo scorso anno in D-league era un ricambio costante di giocatori, ma forse più alla mia giovane età”.

“Contro Sassari dovremo mettere grande energia e mentalità; la cosa più importante sarà la difesa e se ci concentriamo su quella, potremo fare anche qualcosa di buono in attacco. La squadra che mi ha più impressionato finora è Venezia ed averci vinto testimonia il fatto che possiamo battere chiunque se giochiamo con il giusto atteggiamento. Non ci sentiamo ancora salvi per cui dobbiamo concentrarci su ogni gara, con la voglia di vincerle tutte, soprattutto per noi stessi e per la città più che per la classifica. Le memorie che porterò con me dopo questa stagione saranno soprattutto per le persone e le giornate passate con i compagni. Poi aver visitato Pistoia, Firenze, Milano e Venezia è stato bellissimo, quindi come primo anno è stato positivo sotto molti aspetti”.

SEDONI 300x425banner