header rsport
 
.

 

.

 

Lunedì, 16 Dicembre 2019 00:53

Pistoiese. Pancaro: "C'è l'amarezza di non aver vinto"

di Alessio Niccoli

PISTOIA – Quarto pareggio di fila per gli arancioni.

La Pistoiese pareggia ancora. Al Melani i ragazzi di Giuseppe Pancaro non sono andati oltre lo 0-0 contro il Lecco, un risultato che va certamente meglio ai lombardi allenati da Gaetano D'Agostino. Gli arancioni hanno complessivamente gestito il gioco, rischiando pochissimo, ma è altrettanto vero che, dal punto di vista realizzativo, non abbiamo certo visto la migliore Pistoiese. Un pareggio che comunque sottolinea ancora una volta il grande equilibrio raggiunto col lavoro di mister Pancaro (altra porta inviolata per Pisseri), in attesa di recuperare tutti gli interpreti, al fine di poter esprimere tutto il potenziale.

La partita di oggi, bisogna dirlo, è stata condizionata già nei primi minuti da una decisione arbitrale contestatissima da parte degli arancioni. E infatti, nel post gara, il presidente della Pistoiese, Orazio Ferrari, ha voluto prendere posizione in merito, dando importanti aggiornamenti anche sulla questione Lega Pro: "Sono rammaricato per il risultato, siamo stati penalizzati da un rigore sacrosanto che ci è stato negato ad inizio partita. Volevo dire due parole sull'agitazione in corso a livello di lega: credo che in settimana sarà annunciato il blocco del campionato. Se non ci saranno risposte concrete da parte del Governo, verrà comunicato il blocco dei gironi. La situazione è complicata, ci sono costi spropositati" spiega il presidente arancione.

Giuseppe Pancaro è apparso visibilmente contrariato, ma cercando di vedere anche il lato positivo: "Il rigore era troppo evidente - commenta - è inevitabile che in qualche modo ti condizioni, e per questo devo dire che i ragazzi sono stati anche bravi. Sarebbe stato un traguardo straordinario raggiungere quota 25 punti in classifica, sarebbe stato il premio migliore per il lavoro dei miei giocatori. Penso che nel primo tempo abbiamo fatto molto bene - sottolinea il tecnico arancione -. Siamo arrivati diverse volte a concludere in porta, nel secondo tempo il Lecco ha cambiato qualcosa e noi abbiamo creato meno. C'è l'amarezza di non aver vinto, c'è l'amarezza di aver subìto un torto madornale, ma c'è anche la consapevolezza del grande lavoro che stiamo facendo. Sapevo che avrei corso un grande rischio mettendo Valiani e Stijepovic, per questo li ho messi negli ultimi minuti. Ferrarini? Può giocare su entrambe le fasce, anche Mazzarani è concentrato e determinato".

Dello stesso parere Vincenzo Camilleri, che non nasconde la propria amarezza: "Per come è arrivato, è sicuramente il pareggio più deludente. Nel primo tempo siamo stati più pericolosi, il rigore su Gucci era clamoroso. È un periodo in cui varie cose ci stanno girando male. Il Lecco? Secondo me loro sono venuti qua per giocarsela di più ad inizio partita. È una squadra a cui servono punti, per cui il pareggio poteva andargli bene". Anche Emanuele Spinozzi ha detto la sua: "Abbiamo avuto delle difficoltà, ma secondo me a livello di gioco abbiamo fatto un buon primo tempo".

Complessivamente soddisfatto, invece, Gaetano D'Agostino, tecnico del Lecco: "Prima della partita cerco di non dare alibi, ma oggi finalmente posso dire che questa settimana sia conclusa, avendo giocato tre partite in sette giorni. Ci prendiamo un punto importante che muove la classifica e ci mantiene imbattuti - commenta l'ex Udinese -. Abbiamo retto bene, nel secondo tempo ci sono stati pochi tiri in porta e sicuramente questo ha giocato più a nostro favore. Sapevamo di incontrare una grandissima squadra, una formazione che sta costruendo la propria identità, per cui è un pareggio importante per la nostra autostima. Adesso daremo tutto nell'ultima partita contro l'Arezzo per andare in vacanza più tranquilli".

SEDONI 300x425banner