header rsport
 
.

 

.

 

Venerdì, 13 Settembre 2019 23:38

L'OriOra batte la Fortitudo Bologna: 79-77

POMPEA FORTITUDO BOLOGNA - ORIORA PISTOIA 77-79

(22-14, 41-31, 56-54)

FORTITUDO BOLOGNA: Robertson 8, Aradori 11, Cinciarini ne, Mancinelli 4, Dell'Osto, Leunen 18, Piazza, Sims 17, Simon, Fantinelli 4, Daniel 6, Stipcevic 9. All. Martino.

PISTOIA: Castelli, Della Rosa 5, Mati ne, Petteway ne, D'Ercole 2, Quarisa ne, Brandt 18, Salumu 15, Landi 15, Dowdell 7, Johnson 14, Wheatle 3. All. Carrea.

ARBITRI: Capotorto, Vita, Gonella.

NOTE: Parziali 22-14, 19-17, 15-23, 21-25

di Riccardo Bonaguidi

PISTOIA - Meritata vittoria quella ottenuta da Pistoia questa sera al PalaMariotti di La Spezia. Nonostante l'assenza precauzionale di Petteway e Quarisa i biancorossi restano in campo, anche se con qualche alto e bassi, per tutti i quaranti minuti. Pagando forse l'assenza di un ottimo realizzatore e di un cambio per Brandt, che ha dimostrato stasera tutte le sue capacità offensive e difensive, la continuità dei pistoiesi è stata più volte interrotta da black-out difensivi e poca convinzione in attacco. La combatività della squadra si è dimostrata più forte della maggior esperienza di gruppo di cui godevano gli avversari, concedendo a Pistoia una rincuorante vittoria.

Domani i biancorossi si contenderanno il primo posto con la rivale PallacanestroReggiana che ha sbaragliato quest'oggi la VL Pesaro, vincendo di quasi 30 punti.

Prima dell'inzio della partita le squadre hanno osservato un minuto di silenzio per onorare la scomparsa del 'presidentissimo' Robeto Maltinti.

Avvio di partita combattuto in parità tra le due squadre, con un botta e risposta che si protende per almeno tre minuti, finché i due punti di Roberson portano Bologna al massimo vantaggio (12 – 7). Pistoia comincia a cedere il passo all'offensiva degli avversari, costringendo Carrea a chiamare time-out. L'effetto non è però quello desiderato: l'attacco inconcludente e i buchi difensivi portano, all'inizio del terzo minuto, i biancorossi sotto di 11 punti (20/9). Breve tentativo di rimonta di Pistoia che però viene interrotto dalla sirena. Primo quarto che si conclude 22 – 14 per i bolognesi.

L'aspettativa di rimonta dei pistoiesi viene tradita dalla fisicità in attacco della Fortitudo. Per i primi tre minuti Pistoia si aggira per il campo senza produrre risultati se non una serie di falli, tentativi inconcludenti di arginare una riscossa d'oltre Appennino interrotta dal fischio del time-out richiesto da Carrea all'inizio del 7° minuto (28 – 16). Rientro dal break più deciso per i nostri che tentano la rimonta con una paio di azioni firmate Della Rosa che intimoriscono l'allenatore Martino. Time-out per Bologna (6° minuto). Bologna continua a sbagliare, messa sotto pressione dall'attacco pistoiese, che però pecca ancora di convinzione in difesa. Con calma e decisione Pistoia si crea l'occasione per la rimonta. Al 4.30 minuto Brandt segna il canestro del meno 3 ( 24/27), subito ripagata da due triple di Lunen. Gioco non lineare, spezzato da intervalli di luce in attacco, ma Pistoia manca di convinzione e non riesce a dare continuità al gioco. Si va alla pausa lunga sotto di dieci punti 41/43.

Rientro in campo dopo lo stop di 15 minuti con Pistoia che parte soffrendo l'attacco avversario per la prima parte del quarto riuscendo a trovare ottime conclusioni che la avvicineranno di due punti al termine del periodo. Le palle perse e il gioco inconcludente avevano fatto temere per il peggio ma attorno al quarto minuto Pistoia si sveglia, Johnson si attiva portando a meno 10 lo svantaggio (53/43), controfirmato da Brandt che avvia una serie di azioni salvifiche per Pistoia. La Fortitudo riesce a dimenarsi sotto la grinta nemica, procedendo a tentoni. Della Rosa insacca una bomba fondamentale, quella del 48-53, che da grande speranza ai biancorossi. Manca 1.45, coach Martino chiama il time-out. Riprende il gioco Landi che segna più tre sul tabellone. Il quarto si conclude con Pistoia sotto solo di due punti 56/54.

Ultimo quarto di gioco, ultimo tentativo di Pistoia per poter rimettersi in gioco e vincere la partita. Tirando fuori le unghie i biancorossi restano in partita per tutto il restante minutaggio portandosi a casa un meritata vittoria. Raggiunto il pareggio da Salumu 60/60, gli uomini di coach Carrea piombano in una situazione di smarrimento che in poco tempo li conduce sotto di 5 punti. Ma i pistoiesi non si perdono d'animo e cominciano una rimonta che li condurrà, grazie al canestro di Brandt al mini vantaggio 67/65.

Da qui inizia una vera e propria guerra colpo contro colpo. Justin Johnson si sveglia, diventando la vera star degli ultimi minuti di gioco, conducendo l'offensiva biancorossa e difendendo il pitturato dai tentativi dei bolognesi. Nonostante la forma fisica non ottimale recupera un passaggio non facile da Dowdell e piazza un canestro in volo firmando 77/75. Con un vantaggio di un solo punto su Bologna (78/77) Pistoia gioca gli ultimi secondi di gioco con la vittoria tra le dita. Salumu subisce fallo a una manciata di secondi dalla fine, vola in lunetta ne segna solo 1 su 2. Ma questo basta ai biancorossi per portarsi a casa una meritata vittoria.

SEDONI 300x425banner