header rsport
 
.

 

.

 

Martedì, 10 Settembre 2019 15:15

OriOra, sconfitta 66 a 89 dall'Olimpia Milano

Petteway Petteway

di Riccardo Bonaguidi

PISTOIA - Se sulla carta la partita non sarebbe stata per niente facile,  il grave lutto che ha colpito la società biancorossa ieri mattina ha contribuito ad appesantire il clima in via Fermi.

Iniziata con un minuto di silenzio e l'apposizione, a cura del capitano Della Rosa, di una mazzo di fiori sul posto riservato a Maltinti, la partita, è andata avanti per 40 minuti con una serie di alti e bassi che hanno però dato irrimediabilmente esito favorevole per ospiti. Dopo un primo quarto giocato ad armi pari tra le due squadre (22/24 per Milano) i biancorossi hanno cominciato a subire l'esperienza e la tecnica degli avversari senza però mai darsi per vinti.

L'impronta combattiva comincia ad evidenziarsi. Anche se, però, ancora molte sono le pecche difensive, soprattutto dai sei metri, che hanno permesso a Milano di portarsi facilmente in vantaggio, confermandolo per un'intera mezz'ora. 
Ottima la performance di Petteway (che per più volte ha acceso il pubblico) che si porta a quota 20 punti, seguito dal buon piglio di Landi. Entrambi hanno dato prova inoltre delle capacità difensive. Non impattante, invece, l'impronta di Salumu che dopo pochi minuti di gioco, nella fase iniziale, è stato richiamato in panchina, per non rientrare più in campo, accusando problemi alla caviglia.
Dalla parte di Milano a trainare l'attacco sono stati Tarczinsky e Ray.

Palla a due vinta da Milano che si porta avanti di tre lunghezze grazie a Doukys. Risponde subito Pistoia con 5 punti segnati da Petteway e confermati da Brandt con il canestro del sorpasso (7 a 5)Il vantaggio dura poco: gli ospiti recuperano portandosi a quota 10, restando però inchiodati a questo risultato per più di un minuto, bloccati dalla difesa. L'aggressività sotto la plancia viene pagata però dai nostrani con 4 punti segnati dalla lunetta da Milano (14/10). A tre minuti dalla fine Pistoia riesce per un attimo a portarsi in vantaggio con uno splendido alley-oop di Johnson (17/16) recuperato subito da Moraschini. La situazione torna in vantaggio 20/20 con tripla di Salumu all'ottavo minuto di gioco. Il quarto si chiude 24/22 per gli ospiti con il punto del - 2 segnato da Petteway al suono della sirena. Un lungo applauso per Maltinti accompagna la pausa.

Riapre la seconda frazione di gioco un tentativo di sorpasso firmato Landi, che tenta una tripla ma non trova il punto. Milano riparte allungando a quota 28, a cui si aggiungono altri 6 punti (due triple firmate Doulkys e Mizov) che portano gli ospiti al massimo vantaggio 34/24. Coach Carrea chiama timeout (minuto 6.10). Serve a poco, gli uomini di Messina, con una tripla di Doulkys trovano il 40/27. Una tripla fortunata di D'Ercole, raggiunta dopo alcuni tentativi vani, porta Pistoia a 37 a 22 secondi dalla fine. Il quarto si chiude con un tentativo infruttuoso di Milano: pausa lunga con Pistoia sotto di 15 (32/47).

Terzo quarto che parte infuocato con un botta e risposta tra le due squadre. Pistoia tenta di avvicinarsi (ottimo il gioco di Petteway che segna 7 punti) ma Milano riesce a sfuggire: 52/40. Il giocoso falloso di Tarczinsky scalda gli animi di giocatori e tifosi: viene richiamato in panchina da Messina (5.24). Dowdell vola in lunetta segnando il 44; Wheatle piazza la tripla del 47 costringendo Milano al time-out. Break proficuo per gli ospiti che portano a sua volta Pistoia a richiede il minuto (47/61). Bomba di Petteway al rientro accorcia lo svantaggio a - 11 che dopo tenta l'allungo del - 8 trovando il ferro. Si guadagna però il calore del pubblico. La tripla  di Burns chiude il terzo quarto (72/53).

Ultimi dieci minuti che scorrono veloci sotto il gioco aggressivo di Milano e i tentativi di difesa dei biancorossi. Si arriva agli ultimi 5 minuti con la tripla di Moraschini che segna il massimo vantaggio dell'Olimpia (78/58). Il canestro sembra stregato, dei molti tentativi intrapresi dai biancorossi nessuno porta ad una realizzazione. Dal lato degli ospiti la stanchezza si fa sentire: al min 5.49 Olimpia va in rimessa (dopo il break) con 4 giocatori sul campo e il quinto in panchina.
La partita si avvia alla conclusione con Milano che trova  5 punti fondamentali siglati Dulkes e Gravagni. Pistoia resta in partita senza demordere, con Petteway che trova un'altra tripla: 66 sul tabellone e quota 20 di personale. Chiude l'ultimo quarto un tentativo infruttuoso di Johnson ma la sirena suona sull'89 a 66.

Prima del fischio di inizio il presidente Capecchi ha pronunciato un discorso di cordoglio in onore di Roberto Maltinti.
"È difficile dirvi che lo storico presidente non è più con noi. Siamo increduli. La società dopo aver parlato con famiglia ha deciso di disputare comunque la partita. Siamo certi che Roberto avrebbe acconsentito. Lo vogliamo immaginare  stasera con noi nel suo posto, dove sarà messo un mazzo di fiori. Faremo tutto possibile - conclude - per seguire il suo esempio e dare un immagine di grande famiglia alla nostra società, come lui avrebbe voluto. Un pensiero alla sua meravigliosa famiglia".

SEDONI 300x425banner