header rsport
 
.

 

.

 

Venerdì, 21 Dicembre 2018 19:21

Pistoiese deferita dal Procuratore Generale

PISTOIA - La società Us Pistoiese 1921 è stata deferita, a seguito della segnalazione della COVISOC, da parte del Procuratore generale al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare a causa di irregolarità amministrative.

Il Procuratore Federale, a seguito di segnalazione della CO.VI.SO.C., ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare le seguenti violazioni:

"Per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver corrisposto, entro il 16 ottobre 2018, le ritenute Irpef relative agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per la mensilità di agosto 2018 e comunque per non aver documentato alla Co.Vi.So.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef sopra indicate. In relazione ai poteri e funzioni dello stesso, risultanti dagli atti acquisiti come trasmessi dalla Lega competente e ai periodi di svolgimento degli stessi; La Società U.S. PISTOIESE 1921 S.r.l.: per la violazione dell’art. 4, comma 1, del C.G.S.: a titolo di responsabilità diretta, per il comportamento posto in essere dal sig. Ferrari Orazio Amministratore Unico e legale rappresentante pro-tempore della Società U.S. Pistoiese 1921 S.r.l.; per la violazione dell’art. 10, comma 3, del C.G.S. in relazione all’art. 85, lettera C), paragrafo V) delle N.O.I.F.: a titolo di responsabilità propria, per non aver corrisposto, entro il 16 ottobre 2018, le ritenute Irpef relative agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per la mensilità di agosto 2018 e comunque per non aver documentato alla Co.Vi.So.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef sopra indicate”. 

La società arancione attraverso un comunicato esprime le proprie motivazioni a riguardo:

“In relazione alla notizia con la quale le è stato comunicato il deferimento da parte del Procuratore Generale per irregolarità amministrative – si legge nella nota diffusa dalla società – la Us Pistoiese 1921 srl precisa che, a seguito di un blocco telematico, la delega di pagamento con scadenza 16/10/2018, relativa alle ritenute Irpef di cui agli emolumenti dovuti ai propri tesserati per la mensilità di Agosto 2018, è stata inviata all’Agenzia delle Entrate dal professionista esterno incaricato il giorno seguente. E’ sostanziale precisare che l’F24 in questione non prevedeva di fatto alcun pagamento, tenuto conto di un credito vantato dalla nostra Società che determinava quindi la compensazione a saldo zero. Questo motiva la circostanza che indipendentemente dall’incolpevole invio ritardato di un giorno, ciò non avrebbe comunque prodotto nessun esborso da parte della nostra Società, né inviandola regolarmente entro la scadenza del 16 Ottobre né tantomeno dopo. Purtroppo, riscontriamo che gli automatismi della giustizia sportiva sono ineludibili, anche di fronte all’evidenza di una Società che non solo è in regola da sempre con ogni obbligazione, ma che pure vanta crediti erariali. A fronte di situazioni deficitarie note e ricorrenti, non possiamo che riscontrare l’episodio come “incidente di percorso” che in sede giudicante non potrà certo essere sanzionato. Con piena fiducia nel sistema”.

SEDONI 300x425banner