header rsport
 
.

 

.

 

Domenica, 16 Dicembre 2018 15:50

La OriOra sconfitta nettamente da Bologna, nonostante il finale stoico

La OriOra sconfitta nettamente da Bologna, nonostante il finale stoico Giovanni Fedi

di Leonardo Cecconi

PISTOIA – La OriOra non ripete le ultime prestazioni e viene sconfitta da una Segafredo che ha dominato per oltre tre quarti, subendo il ritorno di una furiosa Pistoia negli ultimi minuti di gioco.

Nonostante le non altissime percentuali al tiro, i bolognesi hanno avuto vita facile per quasi tutta la gara contro una formazione che è apparsa poco carica emotivamente e che non ha mai dato l'impressione di poter rientrare in partita. Primo tempo dominato dai bolognesi, che chiudono il primo quarto con una valutazione di 36-6 e arrivano alla pausa lunga con il massimo vantaggio di ventidue punti, nonostante i 5 liberi tirati, contro i sedici dei pistoiesi. Nel secondo tempo ci si aspettava una reazione dei biancorossi che non è mai arrivata , fino agli incredibili ultimi minuti, che però non hanno cambiato l'esito della gara. Impressionante lo score dell'arbitro Biggi con Pistoia, che in ventitre partite ha visto soccombere i biancorossi per ben diciannove volte, a fronte di quattro vittorie. Per gli uomini di Ramagli sufficienza piena solo per Krubally, mentre prova negativa dei due Johnson, con Dominique che chiude con -2 di valutazione. Per i bolognesi molto bene Aradori, con discrete prove di M'Baye e Punter.

 

Pistoia scende in campo con il classico quintetto composto da K.Johnson, Peak, D.Johnson, Auda e Krubally, mentre la Segafredo schiera Taylore, Punter, Aradori, Qvale e M'Baye. Inizio di gara molto veloce, con il primo fallo di gioco fischiato dopo quasi quattro minuti ai danni di Krubally e punteggio sul 6-6. Bologna domina sui rimbalzi lunghi ed un paio di triple di Aradori costringono Ramagli al time out, con gli ospiti avanti 7-16 dopo sette minuti. I biancorossi sbattono sulla rocciosa difesa dei bolognesi, che macinano gioco e chiudono il periodo avanti di sedici lunghezze, grazie anche ad una tripla di Punter sulla sirena. La gara rimane vibrante e sul filo di un eccessivo nervosismo, con la Segafredo che trova anche venti punti di vantaggio. La OriOra è brava a non farsi innervosire dalla difesa bolognese ed a metà periodo si avvicina sul 26-37, ma negli ultimi minuti perde troppi palloni e Bologna chiude il primo tempo con il massimo vantaggio.

Un antisportivo fischiato a Kerron Johnson ad inizio di secondo tempo permette agli ospiti di salire sul 30-56, mettendo una seria ipoteca sulla gara; i biancorossi non riescono a trovare continuità in attacco ed i bolognesi hanno vita facile a mantenere il risultato invariato e chiudere il terzo periodo ancora avanti di ventisei lunghezze. Bologna sembra chiudere in controllo, ma è stoico l'atteggiamento dei ragazzi di Ramagli che lottano con grande determinazione e si avvicinano sul 65-76 quando mancano 2'37” dalla fine, grazie ad una serie di triple ed una difesa imporante. Una tripla di M'Baye a sessanta secondi dalla fine mette il sigillo alla vittoria ospite, che rimane ampiamente meritata. Resta da segnalare solamente l'abbandono dalle tribune di molti tifosi pistoiesi ad inizio ultimo quarto, complice anche la fitta nevicata all'esterno, con i ragazzi della Baraonda che incitano stoicamente la squadra fino al termine, bilanciando i cori dei tanti tifosi arrivati da Bologna.

 

OriOra Pistoia – Segafredo Virtus Bologna 71-81 (12-28 / 28-50 / 44-71)

OriOra Pistoia: K.Johnson (9), Krubally (19), D. Johnson (9), Auda (11), L.J. Peak (11), Gladness (5), Martini (1), Bolpin (3), Di Pizzo ne, Querci ne, Severini (), Della Rosa (3). All. Alessandro Ramagli

Segafredo Virtus Bologna: Punter (15), Pajola (0), Taylor (9), Baldi Rossi (2), Cappelletti ne, Kravic (6), Aradori (16), Berti ne, M'Baye (11), Cournooh (8), Qvale (14). All. Stefano Sacripanti

SEDONI 300x425banner