header rsport
 
.

 

.

 

Giovedì, 06 Dicembre 2018 09:52

Gianluca Della Rosa in conferenza. L'addio a coach Salerni

Gianluca Della Rosa in conferenza. L'addio a coach Salerni Giovanni Fedi

di Leonardo Cecconi

PISTOIA – La scomparsa di Nicola Salerni ha reso molto più triste il ritorno al basket giocato della OriOra Pistoia.

Il professore ci ha lasciati nel momento in cui la squadra ha ripreso il suo cammino, dopo aver sostenuto e difeso a spada tratta, attraverso i social, i “suoi”ragazzi e mister Ramagli. Oggi, alle ore 15, si terrà la cerimonia funebre nella chiesa “Regina della Pace” in via Caciolle 1 a Firenze e domenica, per la gara interna con Brescia, verrà osservato un minuto di raccoglimento, con le maglie listate a lutto. Intanto la vita prosegue ed in conferenza stampa ha parlato oggi un suo pupillo, Gianluca Della Rosa, prodotto del vivaio biancorosso ed unico reduce della stagione scorsa che, assieme a Luca Severini, si unirà oggi allo staff del Pistoia Basket per rendere l'ultimo saluto a Salerni. “Ci ha lasciati un signore del basket e tutta la pallacanestro italiana ha perso un magnifico uomo ed un magnifico coach; ho avuto la fortuna di viverlo, avendolo avuto a Pistoia ai tempi delle giovanili ed è stato l'allenatore di mio padre, che ho visto molto commosso. Ricordo i tanti consigli dalla sua sedia a bordo campo e lo ringrazierò sempre per tutte le belle parole che mi ha dato; anche quando sono andato a Rieti o a Livorno è stato il primo a mandarmi messaggi su Facebook. Grazie a coach Ramagli, che oggi ha anticipato l'allenamento per potergli fare l'ultimo saluto”.

 

“La pausa non ci voleva perchè eravamo in gas dopo due vittorie su campi difficilissimi, ma ci ha dato modo di recuperare i piccoli acciacchi che avevamo. Non ci siamo mai fermati, soprattutto per inserire Gladness che secondo me ha fatto una buona gara a Reggio Emilia nonostante i soli tre allenamenti che aveva con noi; si è già inserito nello spogliatoio alla grande e siamo già molto concentrati per la gara di domenica contro Brescia. La situazione si era fatta difficile dopo sei sconfitte e quello che era maggiormente frustrante era vedere ottimi allenamenti e alla domenica non riuscire a fare quello che sapevamo fare. A Sassari nessuno di noi forse credeva di vincere, oltretutto con l'assenza di Kerron Johnson, ma tutti hanno dato quella scintilla in più per accendere un fuoco; ci voleva maggiore fiducia e quella vittoria ci ha fatto scattare qualcosa, che a Reggio ci ha permesso di dare qualcosa in più. Contro Brescia dovremo cercare di andare molto in contropiede, anche a costo di perde qualche pallone in più, lottare ai rimbalzi e tanta difesa nell'uno contro uno. A Reggio abbiamo subito meno punti, ma perso anche molti palloni, però non ci siamo mai persi d'animo ed abbiamo sempre cercato di dare quella spinta in più per portare a casa i due punti; in settimana abbiamo lavorato molto sotto questo aspetto, ma come dicevo domenica dovremo alzare molto i ritmi e quindi qualche pallone perso ci scapperà. Sono contento perchè queste due vittorie ci hanno permesso di ristabilire un po' di feeling con il nostro pubblico e speriamo già di poter regalare una gioia domenica; ci vorrà l'aiuto dei nostri tifosi e non credo che soffriamo di mal di PalaCarrara, perchè d'ora in poi deve diventare il nostro fortino. Avessimo perso anche le ultime due trasferte saremmo davvero messi malissimo, perchè le altre continuano a vincere, come Pesaro; è un campionato strano, siamo tutte vicine e le due partite in casa possono cambiare il corso della stagione”.

SEDONI 300x425banner