header rsport
 
.

 

.

 

Domenica, 07 Ottobre 2018 18:09

OriOra sfiora il colpaccio a Pesaro, ma perde nel finale

Della Rosa, in azione contro Udine Della Rosa, in azione contro Udine Giovanni Fedi

di Leonardo Cecconi

PESARO – La OriOra Pistoia perde la prima gara della stagione a Pesaro, in una partita molto combattuta.

La formazione di coach Ramagli gioca alla pari ed in alcuni casi anche meglio di Pesaro, ma paga i troppi errori dalla lunetta (9/16) e le 15 palle perse. Il match è stato sempre in equilibrio, con continui capovolgimenti di fronte tra le due squadre più giovani della lega e si sono anche viste buone giocate. Molto bene Kerron Johnson, a tratti vero trascinatore della squadra biancorossa, nonostante l'ingenuità finale del fallo antisportivo; bene Peak ed Auda, mentre sottotono Dominique Johnson.

 

Davanti a 3800 spettatori, Pesaro schiera McCree, Artis, Blackmon, Murray e Mockevicius, mentre Pistoia parte con Kerron Johnson, Peak. Dominique Johnson, Auda e Krubally. Primo quarto sostanzialmente equilibrato, con i padroni di casa che cercano di fuggire sul punteggio di 11-5 dopo sei minuti, ma Pistoia ricuce lo strappo e grazie ad un paio di triple di K.Johnson chiude il periodo avanti di cinque lunghezze.

La OriOra allunga il proprio parziale a 10/0 grazie a quattro punti di un ottimo Peak, portandosi a condurre 18-26 dopo due minuti del secondo quarto. La Vuelle però reagisce e con una tripla di Blackmon piazza un controparziale di 10-0, impattando sul 28-28 e costringendo coach Ramagli al time out a metà periodo. La gara prosegue a strappi, con Pistoia che torna avanti 30-36 con Auda ed un ispirato Kerron Johnson, prima di una nuova tripla di Blackmon ed un canestro di Zanotti che riportano Pesaro ad una lunghezza. Ci vuole ancora una prodezza di Kerron Johnson dalla lunga distanza, sulla sirena, per ridare fiato ai toscani che chiudono in vantaggio di quattro punti il primo tempo. Alla pausa lunga i toscani tirano meglio e catturano più rimbalzi, nonostante il computo delle palle perse/recuperate sia di +2 per i pesaresi e -6 per i pistoiesi.

Si riprende con grande equilibrio, ma la Vuelle compie il massimo sforzo e con un parziale di 13-4 torna a condurre 52-47 a metà periodo. Pistoia trova difficoltà in attacco e continua a perdere troppi palloni, ma riesce a rimanere attaccata ai padroni di casa e con un canestro di Peak sulla sirena, chiude anche il terzo periodo avanti di una lunghezza.

Due canestri di Ancellotti permettono a Pesaro di tornare a condurre 63-60, ma la gara rimane in grande equilibrio e con due liberi di Auda ed un contropiede di Dominque Johnson, i toscani ritrovano il vantaggio sul 63-66 a metà periodo. La OriOra continua a perdere troppo palloni e Pesaro trova un parziale di 7-0, tornando a condurre 70-66 quando mancano 3’45”. Auda e Dominique Johnson portano nuovamente Pistoia a pareggiare sul 70-70, ma una tripla di Murray e due liberi di Blackmon permettono alla Vuelle di tornare in vantaggio 75-70 a 1’46” dalla fine. Due liberi di Peak ed uno di Krubally regalano ancora speranze ai pistoiesi quando mancano “57 secondi, prima che Murray vada a realizzare in penetrazione il 77-74. Prima Peak e poi Mockevicius segnano i personali a disposizione, ma dopo un canestro di Bolpin, è Kerron Johnson a compiere una grande ingenuità, commettendo un antisportivo su Mockevicius, che il lituano trasforma in due punti, con il punteggio di 81-77 a “21 dalla fine. I toscani commettono subito fallo su Blackmon, che realizza i liberi e regala la vittoria alla Vuelle.

 

Vuelle Pesaro - OriOra Pistoia 83-77 (18-23 / 39-43 / 57-58)

Vuelle Pesaro: Blackmon (21), McCree (18), Murray (16), Mockevicius (13), Ancellotti (4), Zanotti (2), Alessandrini ne, Tognacci ne, Conti (0). All. Massimo Galli

OriOra Pistoia: K. Johnson (20), Krubally (9), D. Johnson (11), Auda (15), L.J. Peak (15), Della Rosa (0), Martini (0), Bolpin (4), Di Pizzo ne, Querci ne, Severini (3). All. Alessandro Ramagli

SEDONI 300x425banner