header rsport
 
.

 

.

 

Sabato, 14 Aprile 2018 08:21

Cade ancora la squadra di Paladini: alla "Cino" finisce 3-2 per La Fenice

PIEVE a NIEVOLE - Dopo essere tornata a muovere la classifica, sia pure in maniera lieve contro il Volley Aglianese (2-3), prova a fare qualcosa di più la compagine di Seconda Divisione bianconera di coach Elena Paladini.

Le pievarine vanno alla "Cino da Pistoia" per affrontare la squadra di casa de La Fenice, guidata in panchina dal duo Tempestini-Pratesi. Di fatto, si tratta di un match tra due formazioni che navigano nei bassifondi della graduatoria: le locali fuxia-blu, da un lato, sono un roster giovanissimo; le ospiti, dall'altro, in questo girone di ritorno hanno accusato un fortissimo calo che è andato a riflettersi in prestazioni e risultati poco esaltanti. Paladini manda in campo Sorini-Travaini in diagonale, Charlier-Toci al centro, Marega-Minafra in posto quattro, Gallo libero. Partenza malvagia delle ospiti bianconere, costrette ad incassare subito un filotto di cinque punti ad appannaggio della squadra di casa, a sua volta concentrata e determinata a fare bene. Fatica non poco ad entrare nel vivo del gioco il roster di Paladini, senza mai riuscire a rimettere in discussione le sorti di un parziale presto segnato e caratterizzato da numerosi errori che evidenziano lo scarso approccio al match delle stesse ospiti. Tardiva e inutile la reazione di quest'ultime, quando La Fenice va meritatamente avanti (25-18). Paladini è una furia e, se non altro, la rabbia del tecnico bianconero sortisce qualche buon effetto dopo il cambio campo: nel secondo set il Montebianco è un'altra squadra, aggressiva fin dai primi scambi, concreta a finalizzare in attacco con Venuti (subentrata a Marega) e Travaini, importante dai nove metri; al centro ha cominciato Franchi per Toci. Nel complesso viene concesso poco alle locali, perciò arriva perentoria la parità nel conto set (11-25). Nel terzo periodo squadre che procedono di pari passo, con diverse imperfezioni su entrambi i fronti. La svolta arriva dopo il 13-13, quando, in seguito ad un attacco out ospite, la squadra di Tempestini e Pratesi trova un turno micidiale dal punto di battuta, collezionando cinque lunghezze di vantaggio, sufficienti per spaccare la frazione (19-14). Paladini inserisce Becuzzi per Minafra. Pieve fatica a riprendersi da un punto di vista caratteriale, ma ricuce le distanze, anche se non in maniera definitiva, tanto che è di nuovo La Fenice a trovare l'acuto valevole il nuovo vantaggio fuxia-blu (25-23). Quarto set che segue le orme del secondo: vale a dire, Pieve a prendere le redini con alcuni turni importanti dai nove metri, squadra più decisa anche nel carattere e lesta ad approfittare del sonno della compagine fenicina, che lascia andare via il set troppo presto, fino all'avvenuto 16-25 che manda le due formazioni al quinto atto della sfida. La Fenice ha recuperato le energie ed infatti è netto lo scatto realizzato da Bartolozzi e compagne: 4-0. La strada si fa duramente in salita per Pieve, che ha il merito di ripristinare l'incertezza nel punteggio (7-7), nonostante siano le padrone di casa a girare a +1. A questo punto subentra un po' di nervosismo nella metà campo ospite, che però non è sufficiente per giustificare il nuovo calo accusato: La Fenice ne approfitta, grazie anche ad alcuni errori diretti avversari, assestando un break decisivo, nonostante il parziale termini solo ai vantaggi (15-13). Un risultato che non può certo essere ritenuto soddisfacente: è stato il ritratto di una gara che ha evidenziato, ancora una volta, la bassa tenuta psicologica del team bianconero, il quale si è lasciato andare di fronte alle prime difficoltà. Non sono sufficienti le buone affermazioni di due set, il match era ampiamente alla portata delle pievarine nel tentativo di tornare a scrivere un risultato positivo. Così non è stato, perciò prosegue la tendenza negativa di questa seconda parte di torneo. Nell'occasione, facciamo le dovute congratulazioni alla squadra avversaria per la maggiore determinazione messa in campo, decisiva ai fini della sua affermazione. Come illustrato sopra, prosegue il cammino con più ombre che luci per la formazione di Paladini. Tuttavia bisogna cercare di onorare al meglio gli ultimi due impegni ufficiali, sia pure al cospetto di avversari che abitano nella parte nobile della graduatoria. E' fondamentale tirare fuori tutto l'orgoglio di cui si dispone, dare il massimo per la maglia che si indossa ed uscire dal campo con la consapevolezza di aver tentato il possibile al fine di togliersi qualche soddisfazione. Pistoia Volley La Fenice-Montebianco Volley 3-2 (25-18/11-25/25-23/16-25/15-13): Barca, Bartoletti (L2), Becuzzi, Charlier, Franchi, Gallo (L1), Marega, Minafra, Sorini, Toci, Travaini, Venuti. All.: Paladini. Mail priva di virus. www.avg. 

SEDONI 300x425banner