Amatori http://reportsport.it Wed, 19 Sep 2018 16:33:31 +0200 Joomla! - Open Source Content Management it-it Tra un mese L’Eroica a Gaiole in Chianti http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/10094-tra-un-mese-l-eroica-a-gaiole-in-chianti http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/10094-tra-un-mese-l-eroica-a-gaiole-in-chianti Tra un mese L’Eroica a Gaiole in Chianti

GAIOLE (SI) Tra poco più di quattro settimane Gaiole in Chianti rinnoverà il rito de L’Eroica, la cicloturistica d’epoca più amata al mondo.

Un rito che si ripete da ventidue anni, cioè da quella prima edizione alla quale presero il via in 92, un po’ per gioco e un po’ per scommessa, per vedere chi ce l’avrebbe fatta a pedalare duecento chilometri con le bici di vent’anni prima, su strade vecchie di secoli e maglie di lana pesanti e decisamente fuori moda. Pochissimi pensarono allora che Giancarlo Brocci e gli altri sette soci fondatori, stavano per inventarne una che avrebbe conquistato non solo la provincia di Siena, la Toscana, poi l’Italia tutta e infine il mondo intero con le sue edizioni in California, SudAfrica, Gran Bretagna, Giappone, Spagna, Olanda e gli eventi di primavera a Buonconvento e Montalcino. Infine con gli eventi Ciclo Club in Germania e sulle Dolomiti. Poi chissà dove altro ancora. “Quella del 7 ottobre è L’Eroica con la “elle e l’apostrofo” – dice sempre Giancarlo Brocci – perché da L’Eroica nasce un popolo di passione che non conosce limiti di alcun tipo tanto da affascinare giovani e meno giovani, uomini e donne di ogni latitudine”. Così è davvero, senza alcuna forma di esibizionismo o rappresentazione scenografica. A L’Eroica il ciclismo pedala alla ricerca le proprie origini per recuperare quella “bellezza della fatica e il gusto dell’impresa” che la società moderna tende a cancellare e dimenticare facilmente. L’Eroica è questo; il recupero delle radici di uno sport faticoso, nel quale dalla fatica si trovano le energie per progettare il futuro. Domenica 7 ottobre a Gaiole in Chianti ognuno troverà la strada bianca per le proprie possibilità, dai 32 chilometri della passeggiata, ai 46 chilometri del percorso leggermente più impegnativo, a quello dei 75 chilometri che richiede già una certa preparazione, al percorso dei 135 chilometri che esige rispetto e forte determinazione. Fino al percorso eroico per eccellenza, quello dei 209 chilometri che vanno da Gaiole in Chianti a Montalcino e ritorno; una pellicola di immagini indimenticabili che rimangono nel cuore e fanno desiderare, forse solo per L’Eroica, che un anno passi in fretta per essere di nuovo a Gaiole e pedalare nello splendore del Chianti. Come sempre a L’Eroica saranno oltre 7000 i ciclisti al via; parecchi di più, si stima, non pedaleranno ma animeranno il villaggio e parteciperanno agli eventi in programma. Tra tutti sono particolarmente attese le tante iniziative dedicate a Luciano Berruti, il cui ricordo mai cesserà di essere al primo posto nei cuori di chi apprezza i valori su cui si fonda l’appuntamento. In attesa del pellegrinaggio a Gaiole, sabato 8 settembre a San Candido (BZ) i soci del Ciclo Club Eroica si ritroveranno per pedalare sulle strade, magnifiche, di Eroica Dolomiti. Tra le montagne, i boschi e gli scenari che L’Unesco custodisce gelosamente tra i suoi tesori più belli. Tutte le info su https://eroica.it/eroica-dolomiti  

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Thu, 06 Sep 2018 16:26:44 +0200
16° GF da Torri a Torri, 13° Trofeo MGM motori elettrici Terza ed ultima prova campionato Cross Country 2018. Si corre di sabato http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/10032-16-gf-da-torri-a-torri-13-trofeo-mgm-motori-elettrici-terza-ed-ultima-prova-campionato-cross-country-2018-si-corre-di-domenica http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/10032-16-gf-da-torri-a-torri-13-trofeo-mgm-motori-elettrici-terza-ed-ultima-prova-campionato-cross-country-2018-si-corre-di-domenica 16° GF da Torri a Torri, 13° Trofeo MGM motori elettrici Terza ed ultima prova campionato Cross Country 2018. Si corre di sabato

di Paolo Gioffredi 

TORRI PT - Sabato 15 settembre si rinnova il classico appuntamento con la XXX edizione del raduno in MTB e la 16° Granfondo da TORRI a TORRI, ,che per alcuni anni ha visto scrivere il proprio nome nell’albo d’oro un atleta di spessore come Francesco Casagrande, capace di imporsi affrontando gli ultimi 700 metri del percorso con la bici a spalla a seguito della rottura della ruota posteriore.

La gara di Torri che costituisce la 3° ed ultima prova del Campionato Cross country 2018, si svolge nello scenario ricco di fascino dell’entroterra pistoiese, con partenza ed arrivo nel caratteristico borgo montano di Torri. Il ritrovo è fissato alle 13,45 e la partenza alle ore 15,30. Quota di iscrizione 15 euro e ricco pacco gara realizzato in collaborazione con CAFFE’ POLI. Al termine chi lo desidera potrà fermarsi e cenare presso il Circolo di Torri con 10 Euro (gradita la prenotazione) 0573898086

Il tracciato unico di 33,5 Km, per 800 metri di dislivello potrebbe essere definito delle “tre Limentre”, perché interessa le tre vallate del Comune di Sambuca pistoiese, in un alternarsi di bellissimi scorci panoramici. I bikers saranno da subito chiamati a confrontarsi con la salita, pedalando lungo la prima strada rotabile che nel 1959 arrivò a Torri.

Alla vista panoramica sulla valle della Limentra orientale, che consentirà di scorgere il paese dell’Acqua, succederà quella sulla valle della Limentrella, con i borghi di Castiglioni, Campaldaio, Docciola e Treppio e successivamente ci si addentrerà nella valle della Limentra di Sambuca.

In coincidenza del 22° Km, faranno poi la loro comparsa i ruderi dell’antica abbazia di Badia a Taona. Il rientro a Torri avverrà su una antica stradina lastricata che conduce al traguardo nella piazzetta centrale.

Nelle precedenti edizioni i concorrenti hanno potuto apprezzare la valenza tecnica di questo tracciato, oltre alle elevate condizioni di sicurezza e all’assistenza garantita dal comitato organizzatore.

Ad attendere i bikers un ricco montepremi, secondo il regolamento CSAin ciclismo, ed un probabile servizio fotografico pronta consegna..

Al vincitore andrà il 13° Trofeo MGM motori elettrici autofrenanti.

Al termine della prova verranno premiati i vincitori del campionato cross country.

Imperdibile una visita gratuita al Museo della vita quotidiana che raccoglie attrezzi che documentano la dura vita dei “Torrigiani” in passato ed al piccolo borgo che si presenta molto bene all’occhio dei visitatori.

La prova è organizzata da Vettori Bike in collaborazione con l’Associazione paesana.

Informazioni sulla gara Paolo Gioffredi 3358017226, Gori Claudio 3290848782 , vettori Bike 3311210714 paolgiof@gmail.com - goriclad@gmail.com , andrevettori@tiscali.it .

Box informazioni.

Il ritrovo è fissato alle 14 e la partenza alle ore 15,30. La quota di iscrizione 15 euro . Per i radunisti l’iscrizione la quota è fissata in 10 euro. A tutti premio di partecipazione realizzato in collaborazione con Caffè Poli.

 

 

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Sat, 01 Sep 2018 09:56:00 +0200
Tra un mese arriva la GimondiBike http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/10013-tra-un-mese-arriva-la-gimondibike http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/10013-tra-un-mese-arriva-la-gimondibike Tra un mese arriva la GimondiBike

ISEO (BS)- Tra un mese arriva la GimondiBike Internazionale.

 L’appuntamento con la diciottesima edizione della GimondiBike Internazionale si fa sempre più vicino. Ancora un mese di attesa e poi sarà il grande giorno, il 30 settembre, quello in cui si svolgerà uno degli eventi più attesi dell’intera stagione off-road. Nel centro storico di Iseo e in Franciacorta sono attesi alcuni dei migliori interpreti della MTB nazionale e internazionale e con loro centinaia di amatori pronti a misurarsi sul suggestivo tracciato disegnato dalla Gimasport, la società organizzatrice guidata da Beppe Manenti. Una manifestazione che coniuga in maniera meravigliosa l’aspetto agonistico, con un percorso impegnativo e la bellezza dei paesaggi naturali, artistici e culturali che fanno da contorno all’evento. Il Lago d’Iseo, le Torbiere, i rigogliosi e rinomati vigneti della Franciacorta, i castelli e il suggestivo scenario del centro storico di Iseo, sono tra le eccellenze che si presenteranno davanti agli occhi delle centinaia di biker che sceglieranno di affrontare la sfida. Al via, come ogni anno, ci sarà anche Felice Gimondi per festeggiare insieme a tutti gli appassionati il suo compleanno e una nuova edizione, quella della maggiore età, di questa corsa a lui intitolata e che negli anni è diventata un appuntamento fisso e prestigioso della MTB nazionale e internazionale e che in 17 edizioni ha richiamato quasi 30.000 ciclisti provenienti da tutta Europa. Le iscrizioni alla GimondiBike Internazionale 2018 sono ancora aperte. Possono essere effettuate (dopo aver compilato il modulo di iscrizione). I DETTAGLI DELLA GARA E LE MODALITÀ DI ISCRIZIONE: 1. La GimondiBike Internazionale verrà disputata a Iseo (Brescia) domenica 30 settembre 2018, il percorso è di 40,5 km, è accessibile a tutti i livelli di preparazione ed è davvero suggestivo! 2. Partenza e arrivo della gara li troverete nel centro cittadino di Iseo dove, come al solito, confluiranno tutte le attività collaterali prima, durante e dopo l’evento; 3. Il costo dell’iscrizione è di 33 € e comprende: il massimo dei servizi e della professionalità organizzativa, un pacco gara davvero ricco, con tanto di t-shirt Limited Edition. Vi ricordiamo che il chip sarà gratuito: non sarà richiesta alcuna cauzione per il noleggio del Chip TDS “usa e getta”, questo sarà inserito nel numero gara frontale, avrà validità solo ed esclusivamente per la prossima edizione della GimondiBike Internazionale; 4. L’iscrizione e il pagamento della quota possono essere effettuati in tre modi diversi: con carta di credito dal nostro sito, con bonifico bancario o direttamente presso gli uffici dell’organizzazione (GimaSport, Via G. Da Campione, 24/c - 24124 Bergamo, tel. + 39 035.211721 - fax + 39 035.4227971). In tutti i casi è necessario compilare debitamente il modulo di iscrizione con tutti i vostri dati e la firma. 5. Ogni altra informazione è disponibile sul sito GimondiBike.it. Info Line Organizzazione: GimaSport asd – Via G. da Campione, 24c – 24124 Bergamo Tel. +39 035211721 – Fax +39 0354242971 – www.GimondiBike.it – info@gimondibike.it

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Thu, 30 Aug 2018 16:21:45 +0200
Spoleto Norcia in MTB il 2 settembre http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9999-spoleto-norcia-in-mtb-il-2-settembre http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9999-spoleto-norcia-in-mtb-il-2-settembre Spoleto Norcia in MTB il 2 settembre

SPOLETO - Mancano ormai pochissimi giorni per l’inizio di quella che è già una delle manifestazioni sportive più significative del centro Italia.

Un fine settimana di sport e di salute. Migliaia gli atleti iscritti per le varie gare, sia per la parte che interessa le bici, sia per quella podistica. Una interessante novità è quella che per questa edizione, la pedalata dedicata alle famiglie, domenica 2 settembre, che vede un percorso bellissimo fra la natura che da Spoleto arriva fino alla Caprareccia, verrà utilizzata per raccogliere fondi per l’Associazione “Il sorriso di Teo”.

L’associazione si occuperà di impiegare queste risorse per l’acquisto di defibrillatori da donare alle scuole del territorio. Le iscrizioni sono ancora aperte e molte sono le famiglie che hanno già deciso di partecipare a questo momento di festa. Ricchissima la parte sportiva della manifestazione, che darà grande visibilità alla natura che circonda le nostre zone. Molti gli stand ed i personaggi presenti a questo evento che questa volta si sposterà al centro storico di Spoleto, con l’intenzione di mostrare le bellezze della città a tutti quanti parteciperanno. Gli inevitabili disagi saranno ampiamente compensati dall’enorme visibilità che avrà tutto il territorio. La manifestazione accoglie anche un importante progetto europeo che vede il Comune di Spoleto come capofila. Il progetto si chiama Erasmus Plus e si occupa di prevenzione e cura del diabete attraverso l’attività sportiva. Hanno aderito 16 paesi europei che saranno presenti con molti atleti e accompagnatori. Un grande risultato dal punto di vista del turismo per il territorio. Una presenza attiva della città e dei cittadini, sarà l’arricchimento naturale di questa proposta che nel giro di pochi anni ha conquistato un posto di tutto rispetto fra le maggiori manifestazioni sportive italiane. Tutte le informazioni e il programma dell’intera manifestazione, sul sito: www.laspoletonorciainmtb.it  FEDERAZIONE CICLISMO

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Wed, 29 Aug 2018 11:57:19 +0200
MTB, Elia Favilli primo assoluto del Trofeo Simone Pardini http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9993-mtb-elia-favilli-primo-assoluto-del-trofeo-simone-pardini http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9993-mtb-elia-favilli-primo-assoluto-del-trofeo-simone-pardini MTB, Elia Favilli primo assoluto del Trofeo Simone Pardini

SANTA MARIA DEL GIUDICE (LU).- Un centinaio di bikers hanno preso parte al Campionato Toscano 2018.

La vittoria assoluta in questa terza edizione del Monte Faeta-Trofeo Simone Pardini, per l’ex professionista livornese Elia Favilli. Il portacolori del team Bike Innovation Focus Rossi ha percorso i 43 km di sterrato in un’ora e 50 minuti. A qualche minuto di distanza sono giunti il garfagnino Stefano Valdrighi e Giuseppe Panariello. La gara è stata organizzata dal Team New Bike 2008 Racing Team, nella località di Santa Maria del Giudice, in provincia di Lucca. Oltre ad essere un evento agonistico, è stata un’occasione per ricordare Simone Pardini, il ragazzo scomparso tragicamente durante un allenamento il 3 agosto 2015, dopo esser stato investito da un tir sulla via Romana, nei pressi di Altopascio.

La gara curata nei minimi dettagli dagli organizzatori sotto la regia di Roberto, padre di Simone, con la collaborazione del Gruppo MTB Monte Faeta di Santa Maria del Giudice e di molti volontari presenti sul tracciato, ha assegnato le maglie di Campione Toscano della Federciclismo per la stagione 2018. Il via dal campo sportivo di Santa Maria del Giudice e subito sulla prima salita in asfalto, con pendenze tra il 12 e il 18 per cento, è avvenuta una prima selezione. Dopo soli quattro chilometri infatti si è costituito un terzetto formato da Favilli, Valdrighi e Panariello. Più attardati Casella e Taliani del team New Bike 2008 Racing Team.

Le ascese successive sullo sterrato hanno contribuito ad acuire i distacchi tra i concorrenti e sull’erta finale del Monte Faeta, Favilli ha staccato sensibilmente Valdrighi e Panariello. Nonostante la seconda e la terza piazza assoluta, Valdrighi e Panariello hanno conquistato rispettivamente il titolo regionale élite e under 23. Tra gli junior e gli Elite Master, vittoria e titolo per Niccolò Varni e Mattia Boccia. Fra gli M1 primo posto e maglia per Cristiano Taliani, che ha rivolto il suo pensiero all’amico e compagno di squadra scomparso Simone Pardini. Alessio Gianni, Daniele Lancioni, Diego Morettini, Simone Donati hanno prevalso nelle categorie M2, M3, M4 e M5, aggiudicandosi anche il relativo titolo toscano. Nei Master 6 e Master 7 i più forti sono stati Aurelio D’Aquino e Gildo Baldocchi, mentre tra le donne la vittoria ha sorriso alla plurivittoriosa Alice Lunardini, a Cristina Roberti e Martina Paladini, nuove campionesse toscane 2018.

]]>
emiliano@dskl.dfs (Emiliano Nesti) Amatori Tue, 28 Aug 2018 16:33:37 +0200
Tutto pronto per ‘La Vinaria’, corsa ciclostorica vintage http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9944-tutto-pronto-per-la-vinaria-corsa-ciclostorica-vintage http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9944-tutto-pronto-per-la-vinaria-corsa-ciclostorica-vintage Tutto pronto per ‘La Vinaria’, corsa ciclostorica vintage

CAPANNORI - Tutto pronto per la terza edizione de “La Vinaria” corsa ciclostorica vintage promossa da Gs Cicli Carube in collaborazione con i Comuni di Capannori, Lucca e Porcari e l’Opera della Mura di Lucca. L’appuntamento è per domenica 26 agosto quando, dalle ore 8.30 con raduno al mercato di Marlia e partenza alle ore 8.45 dalla villa La Badiola di San Pancrazio, le strade della Piana saranno attraversate da corridori in sella a biciclette storiche. La corsa, che si ispira all’Eroica e al ciclismo classico del 900 dove i ciclisti, più che atleti erano pionieri, rappresentanti di uno sport duro ma in grado di creare atleti veri e leali, sarà anticipata sabato 25 agosto a partire dalle ore 16 al Mercato di Marlia da una mostra mercato di materiale vintage, esposizioni di auto e moto d’epoca , degustazioni e una cena. “La Vinaria” è stata presentata stamani (mercoledì) nel palazzo municipale di Capannori dall’assessore al turismo del Comune di Capannori, Serena Frediani, l’assessore al turismo del Comune di Lucca, Stefano Ragghianti, il consigliare incaricato allo sport del Comune di Porcari, David Del Prete, il direttore sportivo di Gs Cicli Carube, Roberto Lencioni, il presidente dell’associazione “La Corte”, Pierangelo Paoli e la proprietaria della villa La Badiola, Romina Mariotti. “Le bellezze di Lucca, Capannori e Porcari sono al centro di questa corsa che, dopo il successo delle passate edizioni, siamo ben lieti di continuare a ospitare – commentano Serena Frediani, Stefano Ragghianti e David Del Prete - ‘La Vinaria’, oltre a essere un’interessante manifestazione sportiva che punta a valorizzare lo spirito del ciclismo del passato, è un rilevante strumento di promozione territoriale, dato che permetterà ai partecipanti di vivere gli elementi di maggiore pregio della Piana, dalle ville storiche al verde, dalle colline alle Mura. Accanto allo sport ‘La Vinaria’ promuove le nostre tipicità enogastronomiche. Ringraziamo Gs Cicli Carube per l’impegno nell’organizzare questa manifestazione che testimonia l’importanza del fare gioco di squadra assieme alle istituzioni per mettere in piedi iniziative come queste”. Due sono i percorsi della corsa: quello corto di 48,12 km, dislivello di 735 metri e altitudine 331 metri sul livello del mare, e quello lungo di 83,40 km, dislivello 1.458 metri e altitudine 336 metri sul livello del mare. La Vinaria parte dalla Villa La Badiola a San Pancrazio per raggiungere le Mura Urbane di Lucca e, dopo aver percorso “l’arborato cerchio”, sale fino ad Aquile, attraversando la Maulina. Scende quindi per poi risalire sulla costa delle Pizzorne da Matraia a San Gennaro attraversando paesi come Valgiano, San Pietro a Marcigliano, Petrognano, Sant’Andrea in Caprile e Tofori per poi scendere visitando la famosa quercia di Pinocchio a San Martino in Colle e pedalando in direzione di Porcari e la sua “Torretta”. Da qui raggiunge Segromigno in Monte con le sue ville e torna alla Villa La Badiola per la fine della manifestazione. Trofeo Luciano Berruti. L’organizzazione assegnerà il trofeo “Luciano Berruti” alla memoria dello storico volto dell’eroica, scomparso lo scorso anno. Sarà assegnato alla bicicletta più bella simile a quella di Berruti, cioè con un unico cambio e freno, che parteciperà a “La Vinaria”. Iscrizioni. Le iscrizioni in loco saranno possibili il giorno sabato 25 agosto dalle 15 alle 19 e domenica 26 agosto dalle 6:30 alle 8:30. Eventi collaterali. Sabato 25 agosto al Mercato di Marlia a partire dalle ore 16 sono in programma tante iniziative organizzate in collaborazione con l’associazione “La Corte” di Marlia., soggetto del terzo settore che riunisce le associazioni della frazione. Ci saranno esposizioni di auto e moto d’epoca, di biciclette dei mestieri e una mostra mercato di bici e abbigliamento vintage. Tutti potranno inoltre fare degustazioni di olio e vino a cura della Strada del Vino e dell'Olio Lucca Montecarlo Versilia e di birra artigianale. La sera si svolgerà una cena con spettacolo e domenica 26 agosto dopo la corsa si terrà un pasta party per tutti gli iscritti alla manifestazione.

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Thu, 23 Aug 2018 11:23:07 +0200
Al via la 16° GF da Torri a Torri, 13° Trofeo MGM motori elettrici http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9797-al-via-la-16-gf-da-torri-a-torri-13-trofeo-mgm-motori-elettrici http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9797-al-via-la-16-gf-da-torri-a-torri-13-trofeo-mgm-motori-elettrici Al via la 16° GF da Torri a Torri, 13° Trofeo MGM motori elettrici

di Paolo Gioffredi

TORRI - Domenica 26 agosto si rinnova il classico appuntamento con la XXX edizione del raduno in MTB e la 16° Granfondo da TORRI a TORRI, ,che per alcuni anni ha visto scrivere il proprio nome nell’albo d’oro un atleta di spessore come Francesco Casagrande, capace di imporsi affrontando gli ultimi 700 metri del percorso con la bici a spalla a seguito della rottura della ruota posteriore.

La gara di Torri che costituisce la 3° ed ultima prova del Campionato Cross Country 2018, si svolge nello scenario ricco di fascino dell’entroterra pistoiese, con partenza ed arrivo nel caratteristico borgo montano di Torri, viene corsa per la prima volta di domenica mattina.

Il tracciato unico di 33,5 Km, per 800 metri di dislivello potrebbe essere definito delle “tre Limentre”, perché interessa le tre vallate del Comune di Sambuca pistoiese, in un alternarsi di bellissimi scorci panoramici. I bikers saranno da subito chiamati a confrontarsi con la salita, pedalando lungo la prima strada rotabile che nel 1959 arrivò a Torri.

Alla vista panoramica sulla valle della Limentra orientale, che consentirà di scorgere il paese dell’Acqua, succederà quella sulla valle della Limentrella, con i borghi di Castiglioni, Campaldaio, Docciola e Treppio e successivamente ci si addentrerà nella valle della Limentra di Sambuca.

In coincidenza del 22° Km, faranno poi la loro comparsa i ruderi dell’antica abbazia di Badia a Taona. Il rientro a Torri avverrà su una antica stradina lastricata che conduce al traguardo nella piazzetta centrale. Nelle precedenti edizioni i concorrenti hanno potuto apprezzare la valenza tecnica di questo tracciato, oltre alle elevate condizioni di sicurezza e all’assistenza garantita dal comitato organizzatore e dal club “LEOPARD 4x4 fuoristrada Pistoia”.

A conclusione di una stupenda mattinata di sport (la gara prevede il ritrovo alle 7,30 e partenza alle 9,45), ci si potrà fermare a pranzo (convenzionato) presso il Circolo Amici di Torri il pacco gara realizzato con la collaborazione di Caffè Poli.

Ad attendere i bikers un ricco montepremi, secondo il regolamento CSAin ciclismo, ed un servizio fotografico pronta consegna. Al vincitore andrà il 13° Trofeo MGM motori elettrici autofrenanti.

Al termine della prova verranno premiati i vincitori del circuito Cross Country 2018. Imperdibile una visita gratuita al Museo della vita quotidiana che raccoglie attrezzi che documentano la dura vita dei “Torrigiani” in passato ed al piccolo borgo che si presenta molto bene all’occhio dei visitatori.

Informazioni sulla gara Paolo Gioffredi 3358017226. Vettori Bike 3311210714 andrevettori@tiscali.it www.torridisambucapistoiese.it , goriclad@gmail.com

Box informazioni.

Il ritrovo è fissato a TORRI dalle 7,30 alle 9,15 e la partenza alle ore 9,45. La quota di iscrizione 13 euro con preiscrizione e 15 il giorno della gara. Per i radunisti l’iscrizione è fissata in 10 euro. A tutti premio di partecipazione realizzato in collaborazione con Caffè Poli.

Pranzo convenzionato presso il circolo AMICI di TORRI tel 0573.898086 ad euro 10 ciascuno.

]]>
emiliano@dskl.dfs (Emiliano Nesti) Amatori Fri, 03 Aug 2018 16:16:47 +0200
Tanti ex ciclisti attorno al “Maestro” Marcello Massini http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9694-tanti-ex-ciclisti-attorno-al-maestro-marcello-massini http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9694-tanti-ex-ciclisti-attorno-al-maestro-marcello-massini Tanti ex ciclisti attorno al “Maestro” Marcello Massini

CALENZANO (FI) - Un quarto di secolo a cavallo tra il 1900 ed il 2000, per quello che era un ciclismo diverso, raccontato dai suoi protagonisti, con decine di fatti ed episodi.

E’ stata un serata magnifica quella organizzata da Maurizio Rovoloni che per 16 anni è stato in ammiraglia a fianco di Marcello Massini, direttore sportivo classe 1942, che si può considerare uno dei decani della categoria, che dopo ottimi trascorsi come ciclista scelse l’ammiraglia nel 1971 con una squadra di esordienti nella sua Santa Maria a Monte. Dal 1982 con la Divo San Sebastiano iniziò per Massini l’impegno a livello dilettanti che prosegue anche oggi alla guida della Gragnano Sporting Club del presidente Carlo Palandri. Ma per il tecnico pisano è stata una serata a sorpresa. Invitato con una “scusa” dall’amico Rovoloni alla festa, è arrivato puntuale a Carraia di Calenzano trovando al tavolo una trentina di ex atleti che ha avuto modo di guidare per tante stagioni e che hanno regalato al ciclismo tantissime vittorie. Chi non è potuto intervenire per impegni ci sarà in un’altra occasione come Michele Bartoli e Paolo Bettini, Andrea Tafi, Daniele Bennati, Rinaldo Nocentini, Mirko Selvaggi, Alessandro Giannelli e Fabio Sabatini, ma la lista è ancora lunga. C’erano invece tra strette di mano, abbracci, pacche sulle spalle e tanta allegria, Giuseppe Di Grande vincitore di un Giro d’Italia dilettanti, Lelli, Fabrizio e Leonardo Guidi, Zanetti, Cei, Donati, Foschetti arrivato da Roma, Gurayev, Pieri, Biagini, Mauro Bartoli, Puglioli, Arzilli, Balducci, Moretti i due Gobbini, Marchesini, Madrucci, Lorenzini, Lupi, Pierigè, Sorice, Zamparella, Ivan Fanelli, Mancini, l’ungherese Sipocz che risiede in provincia di Pisa. C’erano anche personaggi che in quel periodo furono a fianco di Marcello Massini in ammiraglia, come Faraoni e Pini, e sponsor importanti in quel periodo come Sandro Grassi e Claudio Casini, figlio dell’appassionato e compianto Bruno che non mancava mai alle gare ciclistiche. Presenti anche due speranze del ciclismo toscano esordienti, Zanetti e Sergiampietri. Per Marcello Massini una bella soddisfazione ricevere il grazie dai “suoi” ragazzi di un tempo e tutti a ricordare le doti, le qualità umane e tecniche, l’inarrivabile esperienza di Massini che di atleti ne ha davvero svezzati tanti. “Ho un’agenda a casa – ha detto Marcello – ci sono segnati i nomi degli atleti che ho guidato, le vittorie che grazie a loro le squadre che ho diretto hanno ottenuto. Un giorno quando farò festa, ma voglio arrivare almeno alle nozze d’oro e mancano ancora 3 anni, tirerò le somme e farò i conti”. Per il tecnico di Santa Maria a Monte anche una mega torta con la scritta “Grazie Marcello” ed un coro da stadio, ultimo atto di una serata meravigliosa. ANTONIO MANNORI  

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Sat, 21 Jul 2018 11:57:51 +0200
Sabato anteprima di Eroica Caffè Barcelona con Eddy Merckx e Faema http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9686-sabato-anteprima-di-eroica-caffe-barcelona-con-eddy-merckx-e-faema http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9686-sabato-anteprima-di-eroica-caffe-barcelona-con-eddy-merckx-e-faema Sabato anteprima di Eroica Caffè Barcelona con Eddy Merckx e Faema

BARCELLONA - Dici Eddy Merckx e pensi al ciclista più forte di sempre, in grado di partecipare a 1800 corse e di vincerne più di cinquecento.

Dici Faema e pensi a tre anni di ciclismo di altissimi livelli con due Tour de France, due Giri d’Italia, una Milano-Sanremo, un Giro delle Fiandre, due Parigi – Roubaix e una Liegi-Bastogne-Liegi. Tre stagioni, tra il 1968 e il 1970, rimaste nel cuore di ogni appassionato anche per il duello epico con Felice Gimondi, in maglia Salvarani. Un duello sportivo che ha segnato il mondo dello sport. Pensi a Eroica e al quel messaggio di Giancarlo Brocci ormai patrimonio dell’umanità a pedali e declinato in ogni lingua: “La bellezza della fatica e al gusto dell’impresa”, messaggio che affascina giovani e meno giovani, uomini e donne ormai in ogni angolo del mondo. Dici insieme Eddy Merckx, Faema ed Eroica e il pensiero corre in Spagna, nella bellissima Barcellona per un pomeriggio, quello di sabato prossimo 14 luglio, in cui Il Cannibale e Faema si ritroveranno nella capitale della Catalogna per una serata speciale: la scoperta in anteprima degli spazi di Eroica Caffè Barcelona. Una scoperta a pedali perché i ciclisti hanno appuntamento alle ore 15 per pedalare insieme su due percorsi, di 30 o 50 chilometri prima di incontrare Eddy Merckx, gustare il caffè preparato con una macchina Faema e fare una prima conoscenza degli spazi di Eroica Caffè Barcelona. “Con Eroica Caffè Barcelona iniziamo un percorso che vuole portare il messaggio de L’Eroica al grande pubblico di tutti i ciclisti – dichiara Andrea Meneghelli di Eroica srl - Non abbiamo scelto di iniziare da Barcellona perché è una città meravigliosa, ma perché è stata Barcellona a scegliere L’Eroica. Qui abbiamo trovato due persone speciali, Graciela e Miguel, già appassionati di Eroica, di bici e di buona cucina.

Con loro siamo sicuri che il messaggio della bellezza della fatica e del gusto dell’impresa saranno veicolati al meglio. Questo è lo spirito con cui vogliamo aprire i prossimi Eroica Caffè in Italia e nel mondo. Partendo dalle persone, non dal business.” “Barcellona non è una città qualsiasi – aggiunge Giancarlo Brocci - ha storia, mondo, identità, vive lo sport con cuore e viscere tutte, esprime tanti eroici, a partire da quel neofita entusiasta de L'Eroica ultima che è stato Luis Enrique, calciatore di cantera e di tanti anni in blaugrana, allenatore del Barca, approdato da poco alla panchina della nazionale di calcio spagnola. Ma al circuito del Montjuich, il parco e la collina arcigna di Barcellona, si sono scritte grandi pagine di ciclismo, a partire dalla volata con cui Felice Gimondi, nel 73, si vestì d'iride mettendo in fila Maertens, Ocana e Merckx, l'ordine d'arrivo più esclusivo della storia dei Mondiali. Eroica Caffè apre qui una grande dimora, in mezzo ad appassionati che hanno già fatto crescere la Hispania, che hanno aperto casa e cuore ai nostri valori. Bella gente e cultura della bici troveranno un altro modo per incontrarsi e diffondere sorrisi, buoni sentimenti ed uno stile di vita da insegnare alle nuove generazioni”. Eroica Caffè Eroica Caffè è prima di tutto un punto di incontro sul territorio per i ciclisti di ogni età. Un luogo d'altri tempi e contemporaneo, in continua evoluzione. Uno spazio dove gusti e sapori, così come oggetti, cimeli e libri invitano a riscoprire una dimensione del tempo a misura d'uomo, fatta di incontri, confronto e condivisione. Eroica Caffè è sinonimo di gusto e qualità, nel segno della miglior tradizione italiana nel mondo, con prodotti semplici selezionati e una particolare attenzione alle tipicità del territorio. Da Brolio a Barcellona con la stessa passione e attenzione per il ciclista e per chi lo diventerà I ciclisti e gli appassionati conoscono già Eroica Caffè negli appuntamenti italiani e per Eroica Caffè Brolio, lo spazio che Ricasoli ha dedicato a Gaiole in Chianti, in prossimità delle Cantine Ricasoli, meta abituale dei ciclisti e dei consumatori più attenti ed esigenti che attraversano il Chianti. Dal 22 settembre arriverà ufficialmente Eroica Caffè Barcelona con le sue suggestioni catalane; un ambiente particolarmente accogliente, pronto ad offrire cibo di qualità e attenzione per il cliente grazie allo staff diretto da Graciela e Miguel. Eroica Cafè Barcelona si trova nel quartiere dell'Eixample, nel centro storico di Barcellona. Occupa un edificio a due piani con una superficie totale di 500 metri quadrati con una capacità ricettiva di 150 visitatori.  

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Fri, 20 Jul 2018 12:01:00 +0200
All'Agliana Ciclismo la 37° Prato Abetone http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9648-all-agliana-ciclismo-la-37-prato-abetone http://reportsport.it/index.php/ciclismo/amatori/item/9648-all-agliana-ciclismo-la-37-prato-abetone All'Agliana Ciclismo la 37° Prato Abetone

ABETONE -Sono stati più di 400 i ciclisti che hanno raggiunto la vetta dell'Abetone dopo lo start che era stato dato in Piazza delle Carceri nella città laniera.

La 37° Prato Abetone ha visto al via 66 società e soprattutto è stato bellissimo vedere arrivare gli atleti in mezzo a tantissimi turisti presenti per i mercatini d'estate e la banda di Cutigliano che suonava per accoglierli. Il primo a raggiungere le Piramidi è stato Cristiano Agati (Agliana Ciclismo) con Claudio Pollini (Ciclissimo Bike) che ha preceduto Gabriele Dimilta (Toscana Dinamo) che ha conquistato la terza piazza. Al femminile Svetlana Stagusta, sempre della formazione dell'Agliana Ciclismo, precede Elisa Federigi (Gs Misericordia Capezzano Pianore) e Tiziana Ghignola (Pontedera). "A tutti è stato consegnato il diploma con il tempo di gara ed è stato molto apprezzato il ristoro finale. Qualcuno dopo aver conquistato la vetta è tornato a Prato in bicicletta mentre molti erano stati raggiunti dalla famiglia e hanno approfittato della giornata per salire sul Monte Gomito e ammirare il panorama dell'appennino tosco-emiliano. Per quanto riguarda la classifica per società è Agliana Ciclismo a guadagnarsi la Coppa della Prato Abetone con Verag Prato Est al secondo posto e Dynamo Cycling Team che arriva terza. Dietro Team Gastone Nencini Prato, Ciclistica Viaccia, Dlf Pistoia, My Bike, La Feraglia, 1° e Pizza Bike e Tavola 1924. "E' stata una bellissima manifestazione che da la possibilità ai ciclisti di arrivare in vetta all'Abetone e abbiamo voluto fortemente che questo traguardo fosse ben visibile - dice il Sindaco dell'Abetone Diego Petrucci - l'evento è alla sua 37° edizione ma è giovane e molto ben organizzato.

E' stato fantastico per l'amministrazione avere accanto ai tanti turisti presenti per i mercatini anche i ciclisti e le loro famiglie". "Un'edizione davvero speciale che ha messo in luce i tanti gruppi presenti e che sono tornati in massa a questa edizione - dice Silvano Melani - la Prato Abetone è nata cicloturistica con 4 ciclisti tra cui il sottoscritto che sono partiti da Prato e hanno raggiunto l'Abetone. Ora i mezzi sono cambiati, la strada anche ma lo spirito è sempre lo stesso e penso sia ritrovato il modo giusto per divertirsi faticando". Presente anche Walter Santillo con il Team Gastone Nencini " Mi piace andare in bici e questa corsa è bellissima - spiega il noto conduttore tv - e correrla con gli amici di sempre in bicicletta è qualcosa di bello". "Agliana Ciclismo ha portato all'Abetone tutti i suoi partecipanti e questo ci ha permesso di conquistare questo trofeo a cui teniamo molto - spiegano i dirigenti della società vincitrice della Prato Abetone - il ristoro era perfetto e il percorso è una classica che per chi abita in pianura è considerata una sfida unica perchè c'è un dislivello di 1388 metri e arrivare in paese è qualcosa di straordinario". L'Avis Verag Prato Est giunge seconda nella classifica a squadre "E' stata una giornata di sport e di divertimento e fatica perchè raggiungere la vetta della montagna pistoiese non è mai una formalità - dice il presidente Marco Barni - abbiamo voluto essere in tanti perchè la Prato Abetone rappresenta questa disciplina nella sua peculiartà più bella che è quella del turismo sportivo". "La Ciclistica Viaccia aveva una promessa con gli organizzatori e l'abbiamo mantenuta - spiega Riccardo Magnolfi - è stata una bella corsa e come al solito partecipata. Una classica del nostro ciclismo che deve rimanere punto di riferimento del ciclismo toscano e non solo. Noi ci crediamo e questa edizione è stata la riprova". Al termine i pulmann della Cap hanno fatto rientrare i ciclisti a Prato. 

]]>
ginanesti@hdsjh.cop (Gina Nesti) Amatori Sun, 15 Jul 2018 16:53:08 +0200